addetti
Sulla formazione, la manifattura italiana lancia un urlo alla Edvard Munch. Nei prossimi cinque anni nei settori chiave della meccanica, della chimica, del tessile, dell’alimentare e dell’Ict le imprese avranno bisogno di qualcosa come 272mila addetti con oltre il 60% di periti e laureati tecnico-scientifici, annuncia Confindustria in un dossier realizzato con Unioncamere, che viene presentato oggi a Verona all’apertura della 27esima edizione del Job&Orienta.
Un’opportunità enorme per studenti e famiglie. Ma le nostre scuole secondarie saranno in grado di sfornare, per tempo, i profili richiesti? La risposta è un triste «no».
Sono ormai anni che gli istituti tecnici perdono iscritti; nell’indirizzo meccanico, solo per fare qualche esempio, nell’ultimo triennio di corsi, siedono in classe poco più di 30mila ragazzi. Di questi circa la metà andrà poi all’università. Sapete quanti diplomati serviranno alle aziende meccaniche? Quasi 40mila. Dalla meccanica al tessile il passo è breve. Ma i problemi, purtroppo, sono gli stessi. Nell’ultimo triennio degli istituti tecnici a indirizzo «tessile, abbigliamento, moda» gli studenti iscritti superano appena le 2mila unità. Immaginiamo, anche qui, che la metà prosegua negli studi accademici. Risultato? Mille periti per un settore che invece ne chiede 16.350.
«Siamo di fronte a una grave emergenza formativa – spiega Giovanni Brugnoli, vice presidente di Confindustria per il Capitale umano –. Va detto con chiarezza, e con la forza dei numeri. Lo studio che presentiamo oggi parla chiaro: è un messaggio che indirizziamo a tutti, politica, insegnanti, genitori, ragazzi. C’è tanta manifattura in Italia. Venite a conoscerla. È una ricchezza, non un

Articoli correlati

  • Slam, tecnologia e innovazione per la collezione Win-DNovember 16, 2017 Slam, tecnologia e innovazione per la collezione Win-D Per chi fa vela l’innovazione sul fronte dell’abbigliamento tecnico conta, quasi quanto quella delle imbarcazioni: i capi che un velista sceglie di indossare non sono un dettaglio, ma parte integrante della sfida che affronterà in mare. Muoversi più liberamente o godere ...
  • Smart city, come saranno le nostre città intelligenti nel 2032?November 2, 2017 Smart city, come saranno le nostre città intelligenti nel 2032? L’era delle smart city è già iniziata, ma la vera rivoluzione digitale iper-connessa è solo all’inizio. Dalla gestione ottimizzata delle risorse all’amministrazione intelligente e autonoma dei sistemi hi-tech, ci sono novità in arrivo ...
  • Emergenza Pfas, quando le conseguenze dell’inquinamento ambientale sono sconosciuteOctober 13, 2017 Emergenza Pfas, quando le conseguenze dell’inquinamento ambientale sono sconosciute (Foto:Pixabay)Il recente annuncio del presidente della Regione Veneto Luca Zaia di abbassare ulteriormente i limiti di concentrazione degli inquinanti perfluoro alchilici nelle acque potabili ha riportato prepotentemente alla ribalta della cronaca la questione Pfas, la contaminazione delle acque ...
  • KRACK Wi-Fi, come funziona l’attacco al WPA2October 18, 2017 KRACK Wi-Fi, come funziona l’attacco al WPA2 (Foto: Diletta Parlangeli)Nei corsi di sicurezza informatica, di qualsiasi livello, si tende a dire che le reti wireless vanno protette utilizzando il così detto protocollo Wi-Fi Protected Access II, o WPA2. Questo perché si è sempre ritenuto che fosse uno dei migliori, in gr...
  • Pagamenti digitali e antiriciclaggio nodi chiave per lo sviluppo del crowdinvesting in ItaliaOctober 14, 2017 Pagamenti digitali e antiriciclaggio nodi chiave per lo sviluppo del crowdinvesting in Italia Save the date! Martedì 17 Ottobre dalle 8 alle 9:30, per i Caffè di BeBeez, incontro con gli esperti del crowdinvesting sui nodi del fintech   Sistemi di pagamento e anti-riciclaggio sono due nodi chiave per le piattaforme di crowdinvesting (equity e lending) in quanto in...
  • Ryanair, passeggeri a terra 200mila, reclami 200. L’Enac annuncia provvedimentiOctober 5, 2017 Ryanair, passeggeri a terra 200mila, reclami 200. L’Enac annuncia provvedimenti I passeggeri che hanno subito disagi a causa della cancellazione dei voli Ryanair sono a tutt’oggi circa 200mila, solo l’1 per mille ha però sollecitato l’Ente nazionale per l’aviazione civile (Enac), come ha riferito il direttore generale Alessio Quaranta convocato...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *