addetti
Sulla formazione, la manifattura italiana lancia un urlo alla Edvard Munch. Nei prossimi cinque anni nei settori chiave della meccanica, della chimica, del tessile, dell’alimentare e dell’Ict le imprese avranno bisogno di qualcosa come 272mila addetti con oltre il 60% di periti e laureati tecnico-scientifici, annuncia Confindustria in un dossier realizzato con Unioncamere, che viene presentato oggi a Verona all’apertura della 27esima edizione del Job&Orienta.
Un’opportunità enorme per studenti e famiglie. Ma le nostre scuole secondarie saranno in grado di sfornare, per tempo, i profili richiesti? La risposta è un triste «no».
Sono ormai anni che gli istituti tecnici perdono iscritti; nell’indirizzo meccanico, solo per fare qualche esempio, nell’ultimo triennio di corsi, siedono in classe poco più di 30mila ragazzi. Di questi circa la metà andrà poi all’università. Sapete quanti diplomati serviranno alle aziende meccaniche? Quasi 40mila. Dalla meccanica al tessile il passo è breve. Ma i problemi, purtroppo, sono gli stessi. Nell’ultimo triennio degli istituti tecnici a indirizzo «tessile, abbigliamento, moda» gli studenti iscritti superano appena le 2mila unità. Immaginiamo, anche qui, che la metà prosegua negli studi accademici. Risultato? Mille periti per un settore che invece ne chiede 16.350.
«Siamo di fronte a una grave emergenza formativa – spiega Giovanni Brugnoli, vice presidente di Confindustria per il Capitale umano –. Va detto con chiarezza, e con la forza dei numeri. Lo studio che presentiamo oggi parla chiaro: è un messaggio che indirizziamo a tutti, politica, insegnanti, genitori, ragazzi. C’è tanta manifattura in Italia. Venite a conoscerla. È una ricchezza, non un

Articoli correlati

  • Lotta al cancro, tornano in piazza le azalee della ricercaMay 10, 2018 Lotta al cancro, tornano in piazza le azalee della ricerca (via Getty Images)Tantissime donne sono costrette a battagliare con la malattia oncologica e i suoi effetti sul corpo e sulla psiche, e a rapportarsi quindi con le cure e le sfide della ricerca. Secondo l’ultimo rapporto Aiom-Airtum sui numeri del cancro in Italia, complessivamente ogni gio...
  • Reddito e disuguaglianza italiana negli ultimi 150 anni. Cresce quella generazionaleMay 18, 2018 Reddito e disuguaglianza italiana negli ultimi 150 anni. Cresce quella generazionale 18 A parlare di poveri o ricchi, di uguali e disuguali, guardando solo all’oggi si rischia di vedere solo l’albero ma mancare la foresta. Anche se ne abbiamo avuto uno sotto gli occhi – la crisi economica – è raro che persino i grandi cambiamenti abbiano un grosso i...
  • Reddito e disuguaglianza italiana negli ultimi 150 anni. Cresce quella generazionaleMay 20, 2018 Reddito e disuguaglianza italiana negli ultimi 150 anni. Cresce quella generazionale A parlare di poveri o ricchi, di uguali e disuguali, guardando solo all’oggi si rischia di vedere solo l’albero ma mancare la foresta. Anche se ne abbiamo avuto uno sotto gli occhi – la crisi economica – è raro che persino i grandi cambiamenti abbiano un grosso imp...
  • No, non mettete una palla di carta stagnola nel microondeApril 5, 2018 No, non mettete una palla di carta stagnola nel microonde (Foto: James Butler/Flickr)Circola in questi giorni online un post che propone – ironicamente – di tentare un esperimento con una sfera di alluminio in un forno a microonde: “Lo sapevi che se fai una palla di carta alluminio, e la metti nel microonde per tre minuti, ottieni...
  • Economia degli intermediari finanziariMay 21, 2018 Economia degli intermediari finanziari “Economia degli intermediari finanziari” affronta i temi riguardanti il ruolo degli intermediari finanziari e le loro modalità di gestione, la struttura dei mercati e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari, nonché le principali problematiche della regolam...
  • M31 Italia cede il 100% di Adaptica ai cinesiApril 26, 2018 M31 Italia cede il 100% di Adaptica ai cinesi Nome italiano ma proprietà cinese per Adaptica. L’impresa cresciuta all’interno dell’incubatore padovano M31 è infatti stata ceduta pochi giorni fa a un grande gruppo cinese (di cui non è stato reso noto il nome), attivo a livello internazionale nel settore...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *