Michela Deriu, un altro suicidio per ricatto legato a un video erotico

La storia della 22enne Michela Deriu e del suo suicidio è raggelante. Ci riporta alla mente la fine di Tiziana Cantone, un anno fa, sfociata (dal punto di vista giudiziario) in un pugno di mosche, considerando l’archiviazione per l’ipotesi di reato più grave, l’induzione al suicidio. Con elementi in parte diversi, è vero, ma con l’aggiunta di una grande quantità di aspetti da chiarire. Compresa la (presunta) aggressione subita dalla vittima pochi giorni prima di uccidersi alla Maddalena, dove aveva trovato riparo nell’abitazione di un’amica ed ex collega.
Le indagini stanno ricostruendo quanto accaduto. Ci sarebbe anche in questo caso un video (o due, non è chiaro) che riprende Deriu in un rapporto sessuale. Una clip individuata dagli investigatori in un pc e in alcuni smartphone sequestrati in questi giorni di lavoro. Al centro del ricatto, che avrebbe appunto fatto leva intorno alla minaccia di diffondere ulteriormente quel video, tre giovani di Porto Torres – è lì che la ragazza viveva e lavorava – al momento indagati dalla procura. Anche in questo caso l’ipotesi dei magistrati di Tempio Pausania è istigazione al suicidio, a cui si aggiungono diffamazione aggravata e tentata estorsione. Pare che i tre volessero soldi per limitare la circolazione della clip, in realtà già circolata non poco via chat.
Alla fine, nella notte fra il 4 e il 5 novembre, Michela – che faceva la barista – si è uccisa soffocandosi con un laccio in casa dell’amica a cui aveva chiesto ospitalità. Avrebbe lasciato due biglietti. Nel primo chiede scusa

Articoli correlati

  • Cosa fa paura ai genitori online? Malintenzionati e contenuti impropriJuly 27, 2018 Cosa fa paura ai genitori online? Malintenzionati e contenuti impropri La rete che fa paura, quella che i genitori non sono in grado di capire lasciando i figli allo sbaraglio. Beh, non è esattamente così. Se è vero che c’è ancora una parte di parentado che oppone una certa resistenza alla connessione, sembra che i ragazzi affrontin...
  • I desideri della Generazione Alpha, tra Internet dei giocattoli e social networkJuly 17, 2018 I desideri della Generazione Alpha, tra Internet dei giocattoli e social network Dei Millennial si è parlato in lungo e in largo. Ma cos’è la Generazione Alpha? Il termine è stato coniato dal sociologo Mark McCrindle per indicare le persone nate dopo il 2010, la cui quotidianità quindi è pervasa dalla tecnologia in ogni suo a...
  • YouTube ci riprova contro le Fake News identificando le fonti autorevoliJuly 10, 2018 YouTube ci riprova contro le Fake News identificando le fonti autorevoli YouTube rimette mano a uno dei principali problemi che ha tenuto banco prima che tutti fossero assorbiti dallo scandalo di Cambridge Analytica e dalle sue ripercussioni sulla privacy, cioè la disinformazione sulla piattaforma. L’azienda annuncia nuove funzioni a contrasto, nell&rsquo...
  • 12 trucchi per usare YouTube come un vero youtuberJuly 25, 2018 12 trucchi per usare YouTube come un vero youtuber da PixabayQuali sono i trucchi YouTube da imparare subito se si vuole provare a usare la piattaforma al massimo delle potenzialità, come uno youtuber o un vero professionista del settore? Come per tutti i servizi web o le applicazioni più popolari, spesso andiamo a sfruttare soltant...
  • Grande Fillion, sei il Nathan Drake che tutti sogniamoJuly 20, 2018 Grande Fillion, sei il Nathan Drake che tutti sogniamo Sta agitando gli animi e alzando l’asticella delle aspettative il fan film a opera del regista Allan Ungar basato sull’universo Uncharted, la popolarissima serie di videogame a opera di Naughty Dog, e per cui, da tempo, si è destato un certo interesse da parte di Hollywood. Ma ...
  • Grazie al deep fake puoi diventare un attore pornoAugust 22, 2018 Grazie al deep fake puoi diventare un attore porno Hai sempre sognato diventare protagonista di un film per adulti ma non possiedi i numeri giusti, intesi in senso letterale e figurato? Deep Fake è la risposta perché anche se non hai esperienza, dotazioni e la giusta dose di coraggio ti basta metterci la faccia. Virtualmente. E, di ...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *