Economia digitale, il successo di Satispay può fare da traino al fintech italiano?

Nel loro quarto rapporto sulle cento migliori aziende fintech al mondo, la multinazionale della revisione contabile Kpmg e il fondo di investimenti H2 Ventures hanno incluso anche una società italiana. È Satispay, la startup che ha progettato un borsellino elettronico per effettuare pagamenti digitali dal telefonino. Per gli autori della ricerca, Satispay è una società da tenere sott’occhio nei prossimi anni. È nella categoria Emerging stars (stelle emergenti) per il volume di capitale raccolto, il grado di innovazione e la peculiarità della sua attività. Per la prima volta un’impresa italiana del fintech accede alla classifica internazionale.
Chi guarda al bicchiere come mezzo pieno, osserva che l’Italia inizia a produrre innovazione che ottiene riconoscimenti internazionali. Per chi lo trova, al contrario, mezzo vuoto, è segno che il fintech nostrano è ancora debole, frammentato e con un mercato asfittico. Nella classifica gli Stati Uniti sono il primo paese con 19 società finanziarie innovative, ma alla Cina bastano le sue nove per accaparrarsi primo, secondo e terzo posto del podio. Li occupano Ant Financial, la holding che possiede Alipay; Zhongan, che ha alle spalle Alibaba e Tencent, e Qudian, quest’ultime due partecipate dalla prima classificata. L’Australia esprime dieci fintech, il Regno Unito nove, Francia e Germania cinque, la Svezia tre, Polonia, Messico, Brasile, Nigeria e Olanda due. Nella classifica entrano 29 Paesi del mondo. Per gli autori è segno che “nessuna nazione possiede l’innovazione fintech”, che è “un fenomeno globale”.
“In Italia scontiamo un po’ di ritardo in tutto il settore finanziario. Le nostre startup

Articoli correlati

  • Cessione del quinto dello stipendio per fare spese: come funziona e a cosa stare attentiApril 23, 2018 Cessione del quinto dello stipendio per fare spese: come funziona e a cosa stare attenti L’Italia degli anni Cinquanta era un Paese molto diverso da quello che conosciamo, ma proprio in quel periodo ci si ingegnò per dare al credito al consumo una spinta che sarebbe durata decenni. I prestiti che prevedono il rimborso attraverso la cessione del quinto dello stipendio nas...
  • La blockchain può insidiare il potere di Airbnb?May 29, 2018 La blockchain può insidiare il potere di Airbnb? Immaginate una Airbnb con zero commissioni e completamente democratica. La piattaforma non è controllata da un colosso della Silicon Valley ma offerta gratuitamente a chiunque abbia accesso a internet. Se qualcosa va male, non c’è bisogno di aspettare la risposta di un servizi...
  • Poste Italiane alla svolta fintech: scatta la corsa ai pagamenti digitaliMarch 9, 2018 Poste Italiane alla svolta fintech: scatta la corsa ai pagamenti digitali Una sfida lanciata ai talenti informatici migliori, per individuare le soluzioni più innovative sui pagamenti mobili e digitali. Poste Italiane rilancia l’hackaton dedicato all’innovazione tecnologica, ma per la prima volta punta sull’e-payment: l’edizione numero se...
  • L’azionista numero 1 di Uber investe in un nuovo mondiale di calcioApril 13, 2018 L’azionista numero 1 di Uber investe in un nuovo mondiale di calcio Un piano da 25 miliardi di dollari per creare un nuovo torneo di calcio mondiale per squadre appartenenti alla Fifa. Fantacalcio? No, è il progetto di una cordata internazionale capeggiata dal colosso giapponese delle telecomunicazioni SoftBank, già primo azionista di Uber.  Ra...
  • Compri ora, paghi dopo: così l’ecommerce conquisterà nuovi clientiMarch 17, 2018 Compri ora, paghi dopo: così l’ecommerce conquisterà nuovi clienti Le ricadute psicologiche della crisi economica e i nuovi servizi “compra ora, paga dopo“ stanno riscrivendo i comportamenti d’acquisto di migliaia di consumatori, specie nel segmento ecommerce. In collaborazione con banche e rivenditori una nuova ondata di startup fintech puntan...
  • Cos’è il bonus mobili e come lo puoi utilizzareApril 3, 2018 Cos’è il bonus mobili e come lo puoi utilizzare Chiunque abbia iniziato un intervento di ristrutturazione dal primo gennaio 2017 può utilizzare un bonus fiscale per acquistare mobili ed elettrodomestici entro il 31 dicembre prossimo. Si tratta di una detrazione Irpef del 50% su una spesa massima di 10mila euro. L’importo verr&agra...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *