Come funziona Hashgraph, la tecnologia che dovrebbe sostituire Blockchain

Con il passare degli anni, sta diventando sempre più evidente quali siano i limiti della blockchain: il registro distribuito, anonimo e crittografato che è alla base dei bitcoin e degli smart contracts di Ethereum. Il primo problema riscontrato da questa tecnologia riguarda la sua lentezza: oggi la blockchain può convalidare non più di 7 transazioni al secondo, ponendo quindi un grosso limite alla sua diffusione (per fare un paragone, un circuito come Visa è in grado di gestire 60mila transazioni al secondo).
Il secondo problema assume addirittura la forma di un dilemma: per aumentare il numero di transazioni convalidate ogni secondo, sarebbe sufficiente aumentare la dimensione dei blocchi che contengono le informazioni crittografate; ma aumentarne la dimensione ha come conseguenza che sempre meno nodi (gli utenti che hanno scaricato il registro sul loro computer) avranno la potenza computazionale necessaria a “minare” sulla blockchain, diminuendo quindi la decentralizzazione che è uno degli aspetti che ne garantisce la sicurezza (a oggi, per esempio, 11mila nodi sono attivi nel registro dei Bitcoin).
La terza questione riguarda il consumo energetico: l’analista Alex de Vries ha stimato che un solo versamento in bitcoin richiede il quantitativo di energia necessario per mantenere un’abitazione per una settimana. Non solo: secondo altri calcoli, l’energia necessaria ogni ora per estrarre Bitcoin equivale al fabbisogno energetico annuo di un paese come l’Ecuador. È evidente che un consumo energetico di questo tipo non può essere sostenibile sul lungo termine, anche perché è destinato ad aumentare sempre di più (ma alcune possibili soluzioni iniziano

Articoli correlati

  • Bitcoin: apre il primo negozio in Italia per acquistarliDecember 5, 2017 Bitcoin: apre il primo negozio in Italia per acquistarli Si chiama Comproeuro, e il gioco di parole si rivela appena varchi l’ingresso: è il primo negozio italiano di Bitcoin, aperto a Rovereto (via Rialto 21) lo scorso weekend. Porti gli euro e in cambio ricevi bitcoin al cambio attuale. Per ora si limita a vendere gadget e bitcoin-card d...
  • Perché il bitcoin è volato a 18mila dollariDecember 11, 2017 Perché il bitcoin è volato a 18mila dollari Quella di Chicago passerà alla storia per essere la Borsa in cui sono stati lanciati i primi future sul bitcoin. Le contrattazioni sul Chicago Board Options Exchange (Cboe) sono iniziate il 10 dicembre alle 17 locali (mezzanotte in Italia) con un prezzo di 15mila dollari (12.720 euro). All...
  • Tutto quello che c’è da sapere sui bitcoinDecember 12, 2017 Tutto quello che c’è da sapere sui bitcoin Il lancio dei futures sui Bitcoin deciso dalla US Commodities and Futures Trading Commission ha acceso l’attenzione dei grandi media sulla moneta elettronica creata ormai sette anni fa dal misterioso Satoshi Nakamoto (la cui enigmatica identità è stata più volte in...
  • Ci possiamo permettere i Bitcoin? Ecco quanta energia elettrica consumanoDecember 19, 2017 Ci possiamo permettere i Bitcoin? Ecco quanta energia elettrica consumano Quanta energia consumano i Bitcoin? La criptovaluta più famosa e sopravvalutata del momento è sostenibile? Ce lo chiediamo solo ora non solo perché ha rotto la soglia dei 15mila euro, non solo perché è diventata la quinta moneta per valore al mondo&nbs...
  • Bitcoin: ecco quanta energia elettrica consumanoDecember 30, 2017 Bitcoin: ecco quanta energia elettrica consumano Quanta energia consumano i Bitcoin? La criptovaluta più famosa e sopravvalutata del momento è sostenibile? Ce lo chiediamo solo ora non solo perché ha rotto la soglia dei 15mila euro, non solo perché è diventata la quinta moneta per valore al mondo&nbs...
  • Bitcoin, come riconoscere per tempo una bolla finanziariaDecember 15, 2017 Bitcoin, come riconoscere per tempo una bolla finanziaria Attesissima (da qualcuno persino invocata) è quella del bitcoin: la criptobolla. Ma altre bolle hanno segnato la storia dell’economia nei secoli: da quella dei tulipani, che nel XVII secolo mise in ginocchio la finanza dei Paesi Bassi, a quella delle dotcom, che all’inizio del ...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *