Approvata la prima pillola digitale che dice al tuo medico se segui la terapia

L’occhio del Grande Fratello anche sulla nostra salute? La Food and drugs administration (Fda) statunitensi ha appena approvato la commercializzazione di Abilify MyCite, un farmaco per la terapia di alcuni disturbi psicotici – come schizofrenia e depressione grave – abbinato a un sensore biocompatibile. In pratica, se la pillola viene ingerita, il sensore trasmette un segnale che permette al medico o ai familiari di verificare che il paziente segua le cure prescritte.
Si tratta del primo traguardo di una tecnologia che potrebbe apportare notevoli vantaggi sul fronte della non aderenza alla terapia (cioè quando il paziente non prende i farmaci o non segue bene le indicazioni del medico), un fenomeno che negli Stati Uniti costa circa 100 miliardi di dollari all’anno perché comporta un aumento dei ricoveri o di interventi aggiuntivi che avrebbero potuto essere evitati.
Abilify MyCite
Abilify MyCite è frutto della collaborazione tra Otsuka, il produttore di Abilify (un normale farmaco per il trattamento di disturbi psicotici), e Proteus Digital Health, la società californiana che ha creato il sensore. La chiamano pillola digitale perché il sensore biocompatibile – costituito da rame, magnesio e silicio – è in grado di generare un segnale elettrico quando entra in contratto con i fluidi dello stomaco di una persona. “Proprio come una batteria di patate”, spiega Andrew Thompson, presidente e direttore generale di Proteus. Il sistema prevede che il paziente indossi sulla parte sinistra della gabbia toracica un patch, una specie di cerotto dotato di batteria in grado di captare il segnale elettrico, che il

Articoli correlati

  • Quando la chirurgia finisce in diretta su SnapchatMarch 16, 2018 Quando la chirurgia finisce in diretta su Snapchat “Non abbiamo mai avuto così tante tecnologie che migliorano la medicina e l’assistenza sanitaria”. Parole e musica di Shafi Ahmed, medico al The Royal’s London and St. Bartholomew’s Hospitals e fondatore di Medical Realities. Ma soprattutto il primo chirurgo a...
  • Il primo caso di super gonorrea: ecco che cos’èMarch 29, 2018 Il primo caso di super gonorrea: ecco che cos’è Un uomo di nazionalità inglese di ritorno da un viaggio nel Sud Est asiatico si reca in un centro per la salute sessuale per quelli che vengono identificati come i classici sintomi di un’infezione da Neisseria gonorrhoeae, un batterio che causa una delle più comuni malattie a ...
  • Insegnare ad un algoritmo il mestiere del radiologoMarch 16, 2018 Insegnare ad un algoritmo il mestiere del radiologo “Sostanzialmente, un radiologo riconosce delle forme. Questo è un compito che possiamo far svolgere anche a degli algoritmi. A patto, certo, che li abbiamo addestrati correttamente“. Questa la sfida secondo Arturo Chiti, responsabile della Medicina nucleare all’Humanitas ...
  • Un chatbot che aiuta il medico a curartiMarch 16, 2018 Un chatbot che aiuta il medico a curarti “Si basa sulla conversazione, che è la fondamentale interazione tra pari. In più è veloce ed è un canale innovativo“. Queste le ragioni, secondo la Executive director Business operations & Digital strategy di MSD Italia Ilaria Catalano, alla base della ...
  • Trapianti, ora sarà possibile la donazione di organi tra pazienti con l’hivMarch 9, 2018 Trapianti, ora sarà possibile la donazione di organi tra pazienti con l’hiv La fine di una discriminazione. Così Alessandro Nanni Costa, direttore del Centro nazionale trapianti, definisce a margine degli Stati generali della Rete trapiantologica italiana la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del protocollo che consentirà i trapianti d’organo tr...
  • Perché ci ammaliamo quando fa freddo?February 27, 2018 Perché ci ammaliamo quando fa freddo? È una di quelle questioni che, almeno nella cultura popolare, ha già trovato la sua risposta. Non prendere freddo che poi ti prendi un bel raffreddore, se non un’influenza vera e propria. Eppure la scienza ha risposte meno nette in materia, più sfumate, perché il...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *