Dall’anno prossimo tutti gli iPhone avranno il design di iPhone X

Dall’anno prossimo iPhone cambierà definitivamente faccia: è il solito analista Ming-Chi Kuo a rivelarlo, basandosi sulle sue (solitamente affidabili) fonti. Sapevamo già che Apple aveva intenzione di spalmare l’eredità di iPhone X su almeno due dispositivi dei tre previsti nel 2018, ma secondo queste ultime indiscrezioni sembra che la casa di Cupertino abbia in programma di dire definitivamente addio al vecchio look dei suoi gadget che ormai si trascinava dai tempi di iPhone 6.
Per l’anno prossimo dunque sono previsti tre gadget: due con display AMOLED, e uno con un pannello LCD ma della stessa, caratteristica forma di quello a bordo dell’attuale gadget portabandiera della società. Quest’ultimo, con diagonale da 6,1 pollici, sarà il più economico dei tre e potrebbe costare tra i 649 e i 749 dollari; degli altri due, uno conserverà le dimensioni di iPhone X mentre l’altro porterà la diagonale del display a ben 6,5 pollici.
Gli smartphone però non sono gli unici prodotti della casa di Cupertino a essersi resi protagonisti di indiscrezioni in queste ore: anche l’altoparlante intelligente HomePod sarebbe in via di aggiornamento. La sua seconda versione (mentre ancora il mondo aspetta di mettere le mani sulla prima) potrebbe infatti adeguarsi alla tendenza avviata da iPhone X e incorporare un sistema di riconoscimento facciale. Non esistono indiscrezioni a riguardo, ma semplicemente l’interpretazione delle parole di David Ho, numero uno dell’azienda che produce l’altoparlante in questione per Apple, il quale in una conferenza stampa ha riferito di aver incontrato molto interesse nel riconoscimento facciale all’interno degli smart speaker

Articoli correlati

  • Il rapporto/qualità prezzo paga: il boom di Honor 10 e Zenfone 5May 18, 2018 Il rapporto/qualità prezzo paga: il boom di Honor 10 e Zenfone 5 È un periodo particolare per gli smartphone di fascia media: in un panorama nel quale i produttori tendono ad alzare ogni anno poco a poco i prezzi dei propri smartphone più costosi, i gadget relativamente più economici stanno acquisendo e continueranno ad acquisire un’...
  • Il Face ID di iPhone X? Per copiarlo servono almeno due anniMarch 21, 2018 Il Face ID di iPhone X? Per copiarlo servono almeno due anni Due anni. È questo il vantaggio che Apple avrebbe accumulato sugli avversari nello sviluppare la tecnologia di riconoscimento facciale che ha debuttato a bordo di iPhone X alla fine dell’anno scorso. A parlare non sono le previsioni di seconda mano di analisti specializzati nel tener...
  • Come difendersi dal carattere indiano che blocca iPhoneFebruary 19, 2018 Come difendersi dal carattere indiano che blocca iPhone (Foto: Maurizio Pesce / WIRED)Non era difficile da prevedere: dopo la scoperta del bug capace di bloccare (e in alcuni casi di rendere inservibili) i prodotti Apple, il carattere della lingua Telugu che scatena il malfunzionamento sta venendo sfruttato da premi Nobel in tutto il mondo per giocare...
  • Zte Axon M, la recensione dello smartphone dal doppio schermoApril 14, 2018 Zte Axon M, la recensione dello smartphone dal doppio schermo Sia durante il lancio internazionale che con la notizia dell’arrivo in Italia, Zte Axon M e il suo doppio schermo hanno catturato l’attenzione di tutti gli appassionati di tecnologia. Lo smartphone Android del produttore cinese anticipa quella che potrebbe presto diventare u...
  • Honor 10 cambia colore con la temperatura: ma non è lui il più stranoApril 10, 2018 Honor 10 cambia colore con la temperatura: ma non è lui il più strano (Foto: Weibo)Sono già diverse le indiscrezioni che stanno emergendo in Rete sul futuro smartphone di punta del gruppo Honor. L’ultima ipotesi che lo riguarda però è piuttosto bizzarra e riguarda il colore della sua scocca: Honor 10, questo il nome del dispositivo, ...
  • Bimbo gioca con l’iPhone della madre e glielo blocca per 47 anniMarch 7, 2018 Bimbo gioca con l’iPhone della madre e glielo blocca per 47 anni Codici pin e impronte digitali tengono da decenni al sicuro i dati sensibili salvati nei telefoni cellulari dai loro proprietari, ma a volte, per quanto utili nella vita quotidiana, queste soluzioni finiscono per fare il loro lavoro anche troppo bene. È quel che è successo in Cina d...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *