Aumentano i blackout di Internet. Quasi metà della popolazione è connessa

Con quasi la metà della popolazione mondiale (il 48%, dato del 2017) che ha ormai accesso ad Internet, la libertà di espressione e informazione è diventata un diritto universale e ancora più prezioso. Tuttavia, nonostante i tentativi di garantirla, è in aumento il numero di “internet blackout”: da gennaio 2016 se ne sono registrati 116 in trenta diversi Paesi.

Un “internet shutdown” si verifica quando un soggetto – solitamente il governo di uno Stato – blocca ai cittadini la possibilità di accedere alla rete o a un’applicazione. Negli ultimi 21 mesi questo fenomeno ha interessato ben 30 Paesi, tra questi il numero più alto è registrato – con netto distacco dagli altri – dall’India, dove i blackout sono stati 54. Segue il Pakistan con 10 episodi, a sua volta seguito da Turchia, Siria e Iraq con 5 casi ciascuno.
Le motivazioni addotte dai governi sono legate prevalentemente a questioni di sicurezza nazionale, a leggi anti-terrorismo e a situazioni di stato d’emergenza.
Contemporaneamente, tuttavia, risultano in aumento anche le leggi che cercano di garantire il rispetto del diritto dei cittadini di avere libero accesso alle fonti di informazione, di qualunque natura esse siano: da 90 nel 2011 a 112 nel 2016. Un incremento che manifesta un rinnovato interesse e un importante riconoscimento di valore all’Articolo 19 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani sulla libertà di opinione e di espressione, che nel 2018 compirà 70 anni.
La crescita di norme a tutela di questo diritto ha riguardato in particolare alcuni Stati africani e quelli collocati sulla

Articoli correlati

  • Apple vs Samsung: quali sono gli utenti smartphone più feliciMarch 21, 2018 Apple vs Samsung: quali sono gli utenti smartphone più felici La Global Consumer Survey di Statista sintetizza quello che emerge da un sondaggio tra 64mila consumatori da 27 paesi su oltre 50 settori. Mostra che in ogni paese oltre il 60% di la popolazione possiede uno smartphone. Solo gli Stati Uniti sono il Paese dove si possiedono più auto che tel...
  • Apple vs Samsung: quali sono gli utenti smartphone più feliciMarch 25, 2018 Apple vs Samsung: quali sono gli utenti smartphone più felici La Global Consumer Survey di Statista sintetizza quello che emerge da un sondaggio tra 64mila consumatori da 27 paesi su oltre 50 settori. Mostra che in ogni paese oltre il 60% della popolazione possiede uno smartphone. Solo gli Stati Uniti sono il Paese dove si possiedono più auto ch...
  • Smartphone: quattro italiani su dieci cercano di usarli menoMarch 1, 2018 Smartphone: quattro italiani su dieci cercano di usarli meno Ogni anno Deloitte nel suo Global Mobile Consumer Survey 2017 prova a raccontare il rapporto degli italiano con i telefonini. La ricerca  coinvolge 33 Paesi tra i principali al mondo ed è basata su 53mila interviste online strutturate in questionari di oltre 60 domande specifiche del ...
  • Smartphone: quattro italiani su dieci cerca di usarli menoFebruary 28, 2018 Smartphone: quattro italiani su dieci cerca di usarli meno Ogni anno Deloitte nel suo Global Mobile Consumer Survey 2017 prova a raccontare il rapporto degli italiano con i telefonini. La ricerca  coinvolge 33 Paesi tra i principali al mondo ed è basata su 53mila interviste online strutturate in questionari di oltre 60 domande specifiche del ...
  • Italia al primo posto in Europa nella richiesta di brevettiMarch 8, 2018 Italia al primo posto in Europa nella richiesta di brevetti Con 4352 richieste di brevetto nel 2017, l’Italia è il Paese europeo che ha registrato la maggior crescita nella domanda di innovazione. Qui trovate l’articolo sul Sole24Ore.com. Qui sotto invece andiamo a vedere più da vicino i numeri diffusi dall’ufficio brevetti...
  • La mappa delle social app. Whatsapp batte FacebookMarch 27, 2018 La mappa delle social app. Whatsapp batte Facebook Comscore stima che in media oltre il 60% del tempo speso online avviene in mobilità (in Italia 62%) e che oltre l’80% dei minuti di navigazione da dispositivo mobile è attribuibile all’uso di app (in Italia siamo all’87%). Come dire, tutto passa dallo smartphone or...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *