Windows Movie Maker, il programma fake è una truffa

Non aprite quel link perché è una truffa. Si tratta del programma per il montaggio video Windows Movie Maker, rimosso dagli store ufficiali lo scorso gennaio e rilanciato in versione fake da qualche truffatore digitale abile a sfruttare il richiamo di una delle più diffuse (e semplici) applicazioni per realizzare videoclip. A scoprire il raggiro sono stato i ricercatori di Eset, fornitore di software per la sicurezza informatica, secondo i quali l’apice dei download si è verificato in Italia durante i primi giorni di novembre, raggiungendo il 9% di infezioni.
A facilitare il percorso del falso programma è stata l’indicizzazione su Google, derivata dall’alto numero di ricerche degli internauti, che digitano i termini “Windows Movie Maker” o “Movie Maker”. Ancora adesso, mentre si scrive, il link che rimanda al fake windows-movie-maker.org è in cima alla lista di risultati sul motore di ricerca più utilizzato al mondo. Un po’ meglio va con Bing, dove il link truffa non figura più nella prima pagina dei risultati di ricerca. Eset ha segnalato la questione a Google e Microsoft, oltre a bloccare il sito web che ospita il programma, rilevato come Win32/Hoax.MovieMaker.
Il link del falso programma compare ancora in cima ai risultati di GoogleQuanto alla truffa, la dinamica è la seguente. Una volta che l’utente ha installato il software, si ottiene una versione di prova con l’invito all’aggiornamento per contare su tutte le funzionalità: davanti a ripetuti messaggi di acquisto della versione completa, in particolar modo nel momento in cui si vuole salvare il nuovo documento,

Articoli correlati

  • Quando l’auto di Street View incontra quella di Bing, solo una resta nelle mappeDecember 19, 2017 Quando l’auto di Street View incontra quella di Bing, solo una resta nelle mappe Quando un uomo con una vettura di Google Street View incontra un uomo su una Bing Car, l’uomo con l’auto di Google diventerà invisibile. O una cosa del genere. Nessun potere paranormale: si tratta, piuttosto, di una scelta editoriale. La storia — emers...
  • Com’era Google Street View nel 2007?January 10, 2018 Com’era Google Street View nel 2007? Tutte le grandi aziende tech sono state delle startup e tutte le tecnologie hanno vissuto il brivido della prima presentazione pubblica: più o meno difficile, più o meno convincente, più o meno ardita. Il sito Kapwing.com, che ha anche un generatore di meme, ha messo su&...
  • Dal 15 febbraio Chrome bloccherà automaticamente le pubblicità fastidioseDecember 20, 2017 Dal 15 febbraio Chrome bloccherà automaticamente le pubblicità fastidiose La pubblicità invasiva potrebbe avere i giorni contati sul browser Chrome di Google; per la precisione, poco meno di due mesi. La casa di Mountain View ha infatti annunciato che il 15 febbraio rilascerà una nuova versione del suo software per la navigazione Internet completa di un s...
  • Google stringe sulla sicurezza e Gmail diventa “Fort Knox”October 18, 2017 Google stringe sulla sicurezza e Gmail diventa “Fort Knox” Esiste una minoranza trascurata di utenti che è esposta a un alto rischio di attacchi mirati online: per questo Google ha pensato a una versione “Fort Knox” della sua casella di posta. In occasione del Mese della Sicurezza Informatica poi, The Big G mette a disposizione un...
  • Nell’aggiornamento del browser Opera c’è un player per la realtà virtualeNovember 9, 2017 Nell’aggiornamento del browser Opera c’è un player per la realtà virtuale Il browser Opera non si ferma e anzi, rilancia. La nuova versione del prodotto made in Svezia che offre il servizio di VPN per tutti, raccoglie alcune delle più importanti novità rilasciate negli ultimi mesi e ne aggiunge di importanti. Opera 49, disponibile per Windows, macOS ...
  • YouTube rimuove milioni di video inappropriati e blocca le pubblicitàNovember 23, 2017 YouTube rimuove milioni di video inappropriati e blocca le pubblicità Dopo aver rinnovato YouTube Kids, la versione specificatamente rivolta ai più piccoli, il servizio ha annunciato cinque nuove iniziative per rendere più sicura la piattaforma. “Negli ultimi mesi”, — spiega il post ufficiale — “Abbiam...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *