Nell’aggiornamento del browser Opera c’è un player per la realtà virtuale

Il browser Opera non si ferma e anzi, rilancia. La nuova versione del prodotto made in Svezia che offre il servizio di VPN per tutti, raccoglie alcune delle più importanti novità rilasciate negli ultimi mesi e ne aggiunge di importanti. Opera 49, disponibile per Windows, macOS e Linux aggiunge infatti strumenti per gli screenshot (che potranno essere modificati, aggiunta di emoji compresa), per i selfie, ma soprattutto il player di realtà virtuale per visualizzare anche i video a 360°.
Per agevolare l’esperienza virtuale, il player garantisce il supporto con visori HTC Vive, Oculus Rift e altri che supportino OpenVR.
L’aggiornamento porta con sé anche l’integrazione delle chat di Facebook Messenger, WhatsApp e Telegram, con accesso garantito dalla barra laterale e strumenti per la conversione di oltre trenta unità di misura, valute e 14 fusi orari.
Il sito di monitoraggio Statcounter sostiene che la quota di mercato di Opera sia stata, in ottobre, del 3,89% per cento in tutto il mondo, ma, scrive CNet l’azienda sostiene visioni più rosee. Dichiara di aver visto una crescita a due cifre nel 2017, con un aumento degli utenti mensili attivi del 25 per cento anno su anno. La versione desktop è cresciuta, secondo i dati interni, del 65% negli Stati Uniti, il 64% in Francia e il 50% nel Regno Unito.
Numeri a parte, una cosa è certa: Opera è uno dei browser più vivaci. Recentemente, ha proposto una nuova prospettiva nell’esperienza utente con Opera Neon.

The post Nell’aggiornamento del browser Opera c’è un player per la realtà virtuale appeared first on Wired.

Articoli correlati

  • Privacy, non ci si può fidare neanche delle VpnMarch 28, 2018 Privacy, non ci si può fidare neanche delle Vpn I servizi Vpn nascono proprio per impedire che qualcuno segua le tracce degli utenti. Per aggirare le restrizioni geografiche, o per proteggersi quando si utilizza un wifi pubblico. E infatti, la maggior parte di loro promuove l’offerta proprio sulla base di una garanzia di sicurezza e priv...
  • Amazon sospende centinaia di account Prime senza dare troppe spiegazioniApril 6, 2018 Amazon sospende centinaia di account Prime senza dare troppe spiegazioni Nel bel mezzo dell’ira funesta del presidente Donal Trump contro i danni che Amazon arrecherebbe all’economia statunitense, arriva un’altra tempesta. In questo caso si tratta degli utenti, che con l’hashtag #amazonclosed discutono della chiusura – inaspettata, dicono...
  • Kopel di WikiTribune al Wired Next Fest: “Ecco come aggiustare le fake news”May 26, 2018 Kopel di WikiTribune al Wired Next Fest: “Ecco come aggiustare le fake news” Non è un segreto che il livello di fiducia che il grande pubblico nutre nei confronti del mondo delle news come istituzione non sia esattamente alle stelle, da noi come altrove. Troppe le fonti che si contraddicono apertamente ed eccessivo il rumore di fondo dietro al quale le notizie si n...
  • Stoya al Wired Next Fest: “Incolpare il porno per le molestie non serve a trovare una soluzione”May 26, 2018 Stoya al Wired Next Fest: “Incolpare il porno per le molestie non serve a trovare una soluzione” Come si sta evolvendo il mondo della pornografia, quali sono gli input che raccoglie dall’esterno per plasmarsi e rinnovarsi e come viene percepito dal resto del mondo? Sono domande alle quali non è facile trovare risposte soddisfacenti, ed è per questo che a tentare di rispon...
  • Reddit ha bloccato quasi mille account collegati alla propaganda russaApril 11, 2018 Reddit ha bloccato quasi mille account collegati alla propaganda russa Reddit ha identificato e rimosso quasi mille account col sospetto che fossero collegati alla campagna di disinformazione online made in Russia. Diverse centinaia erano stati creati dalla Internet Research Agency, gruppo vicino alla propaganda promossa da Mosca sui social media. I dati sono s...
  • Chrome cambia prospettiva: da ottobre saranno segnalati i siti non sicuriMay 20, 2018 Chrome cambia prospettiva: da ottobre saranno segnalati i siti non sicuri Inutile girarci intorno, riducendo la sicurezza allo scarto di una lettera. Un sito o è sicuro, o non lo è. Chrome vuole fare in modo che questo sia chiaro, per cui, annuncia l’azienda, in autunno cambierà il modo in cui sarà indicato agli utenti quando un s...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *