(Foto: flickr)Lo scorso 17 ottobre la presidente della camera Laura Boldrini era ritornata sul progetto #BastaBufale, nato con l’obiettivo di sensibilizzare i giovani italiani e insegnare loro a riconoscere le notizie vere da quelle false.
Sull’iniziativa si era concentrato anche il New York Times che aveva enfatizzato la bontà di un progetto formativo che sarebbe entrato in diverse scuole italiane in favore di circa 4,2 milioni di studenti che frequentano le scuole medie e le superiori. Una forma di educazione civica battezzata con il nome di #BastaBufale.
Il progetto inizia il 31 ottobre, con la benedizione del ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (Miur). Il decalogo da somministrare ai giovani è pronto, nato in collaborazione con Facebook, Google, Rai, lo stesso Miur, la Federazione italiana editori giornali (Fieg), Confindustria e il debunker Paolo Attivissimo.
Le 10 regole
Condividi solo notizie verificate
Usa internet per verificare le notizie
Chiedi fonti e prove
Chiedi aiuto agli esperti
Ricorda che internet e i social network sono manipolabili
Riconosci i vari tipi e gli stili delle notizie false
Hai un potere enorme, usalo bene
Dai il buon esempio: non lamentarti del buio ma accendi la luce
Impara a riconoscere gli odiatori e i provocatori seriali
Ricorda che il tuo clic ha un valore
Il richiamo alle responsabilitàLaura Boldrini, oggetto in passato di campagne di odio, come riferisce Repubblica ha scritto a Mark Zuckerberg chiedendogli maggiore vigilanza per i contenuti creati, postati e condivisi dagli italiani perché “trenta milioni di utenti in Italia meritano un investimento maggiore da parte dell’azienda”.
Piccoli debunker cresconoLaura Boldrini e Valeria Fedeli hanno scelto

Articoli correlati

  • Chi era Piersanti Mattarella, il fratello del capo dello StatoMay 28, 2018 Chi era Piersanti Mattarella, il fratello del capo dello Stato (Foto: wikimafia.it)Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella sta ricevendo insulti e minacce di ogni sorta, dopo avere deciso di depennare dall’elenco dei possibili ministri il nome di Paolo Savona e dopo avere assegnato a Carlo Cottarelli il compito di provare a dare forma a un gov...
  • Smartcity di Alphabet a Toronto, il vicesindaco chiede chiarezza sulla raccolta datiMay 28, 2018 Smartcity di Alphabet a Toronto, il vicesindaco chiede chiarezza sulla raccolta dati Foto: Sidewalk LabsQuando Sidewalk Labs, la controllata di Alphabet, annunciò la nascita di  Sidewalk Toronto una smartcity nella metropoli canadese (o meglio, di fronte), l’obiettivo dichiarato era quello di “rendere la città il fulcro globale dell&r...
  • Startup: l’Italia dell’Internet of things  non cresceApril 13, 2018 Startup: l’Italia dell’Internet of things non cresce Se gli oggetti risultano già connessi le startup non lo sono ancora del tutto. Proprio in Italia il mercato dell’Internet of Things nel 2017 è cresciuto del +32%, arrivando a toccare i 3,7 miliardi di euro. Ma fatica a decollare sul fronte startup, restando a stretto appannag...
  • L’infortunio di Caterina Bosetti, quando la sofferenza è viraleMarch 14, 2018 L’infortunio di Caterina Bosetti, quando la sofferenza è virale Giusto o non giusto riproporre online le immagini di un infortunio avvenuto in diretta? È la domanda che in questi giorni continua a rimbalzare sui social dedicati alla pallavolo dopo il grave e doloroso infortunio al ginocchio di Caterina Bosetti, schiacciatrice di Modena e della Nazional...
  • Tutte le bufale su Roberto Fico, nuovo presidente della CameraMarch 27, 2018 Tutte le bufale su Roberto Fico, nuovo presidente della Camera (Foto: Antonio Masiello/Getty Images)Da quando, lo scorso sabato 24 marzo, Roberto Fico del Movimento 5 stelle è stato eletto presidente della Camera dei deputati per la 28esima legislatura, sui social e in generale sul web hanno iniziato a circolare una serie di bufale e false storie. Alc...
  • La Banca d’Italia studia i nostri tweet per prevedere l’inflazioneMarch 26, 2018 La Banca d’Italia studia i nostri tweet per prevedere l’inflazione (Foto: Banca d’Italia)Prevedere che piega prenderà l’inflazione consultando anche Twitter. O che aria tirà tra chi ha depositi in banca. Se i social network sono una delle piazze in cui la gente si ritrova e scambia opinioni, per una banca centrale sono una fonte di i...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *