Obesità, alzare di poco i prezzi delle bevande zuccherate ne diminuisce davvero il consumo

Aumentare il prezzo delle bevande zuccherate, per diminuirne la vendita. A riuscirci è stata una catena di ristoranti italiani del Regno Unito, Jamie’s Italian, che ha aumentato leggermente il costo delle bevande zuccherate, notando un successivo calo delle vendite. Un’operazione che è stata sottoposta allo scrutinio dal team di ricercatori della London School of Hygiene & Tropical Medicine dell’Università di Cambridge, che ritengono di avere la prova di come questo tipo di misure possano realmente essere valide (con una dimostrazione sul campo) per le strategie di prevenzione di alcune malattie, come per esempio l’obesità.
Molti studi recenti avevano già dimostrato come il consumo eccessivo di bevande zuccherate sia associato ad alcune malattie, tra cui l’obesità, il diabete, malattie cardiovascolari e problemi ai denti. E proprio per questo motivo, un consumo misurato di queste bevande, estremamente caloriche, potrebbe ridurre l’aumento di peso, soprattutto per i bambini e gli adolescenti. Finora, però il modo più efficace per incoraggiare un comportamento più sano e adeguato non era ancora chiaro.
Ora, questo studio, apparso sulle pagine del Journal of Epidemiology & Community Health, ha scoperto che l’aggiunta di soli 10 pence (circa 10 centesimi di euro) al costo delle bevande zuccherate vendute nei 37 ristoranti italiani dello chef Jamie Oliver è stata associata a una diminuzione dell’11% delle vendite di queste bevande per cliente, 12 settimane dopo averne aumentato il prezzo e un ulteriore calo del 9,3% nei sei mesi successivi. “Attualmente, l’obesità, il diabete di tipo 2 e le malattie cardiovascolari sono tra le più urgenti

Articoli correlati

  • Antibiotici e Tac: ecco le dieci procedure di cui abusiamoOctober 9, 2017 Antibiotici e Tac: ecco le dieci procedure di cui abusiamo Medicinali inutili, test che non identificano il problema e procedure che hanno più rischi che benefici. É quanto emerge da un nuovo studio americano dell’Università del Maryland School of Medicine, che ha elencato sulle pagine di Jama alcune tra le procedure ...
  • Emicrania, presto potrebbero arrivare nuovi farmaciDecember 5, 2017 Emicrania, presto potrebbero arrivare nuovi farmaci Un dolore pulsante, intenso, spesso accompagnato da nausea e intolleranza alla luce e ai rumori. Uno stato che può durare molto tempo, anche giorni interi. Parliamo dell’emicrania, una forma di mal di testa che per le sue caratteristiche è stata inserita dall’Organizzazi...
  • Il bullismo ha effetti diretti sulla salute mentaleOctober 11, 2017 Il bullismo ha effetti diretti sulla salute mentale Ansia e depressione. Sono solo alcune delle terribili conseguenze sulla salute mentale di chi è stato vittima di bullismo. A riferirlo sulle pagine di Jama Psychiatry è stato un team di ricercatori della University College London, che con il loro studio confermano ulteriormente come...
  • Merck for Health: i vincitoriNovember 7, 2017 Merck for Health: i vincitori Ben 120 iscritti, 17 team, 32 mentor, 11 speaker: sono questi i numeri di Merck for Health, l’hackathon dedicato all’innovazione tecnologica in campo healthcare che si è appena conclusa a Roma. Le squadre vincenti sono state Kronos DNA, Next Capodarco e Pedius. L’evento M...
  • Droghe, non c’è nessun caso di morte per overdose da marijuanaNovember 17, 2017 Droghe, non c’è nessun caso di morte per overdose da marijuana Sulla stampa statunitense in questi giorni si sta discutendo della morte avvenuta nel 2015 di un bambino di 11 mesi a seguito di una miocardite (infiammazione del cuore). Al di là della tragedia per la perdita di un bimbo così piccolo, cosa c’è di anomalo? Presto detto:...
  • Nobel per la medicina ai meccanismi molecolari dei ritmi circadianiOctober 2, 2017 Nobel per la medicina ai meccanismi molecolari dei ritmi circadiani Jeffrey C. Hall, Michael Rosbash e Michael W Young hanno appena vinto il Nobel per la medicina e la fisiologia grazie alle loro scoperte sui meccanismi molecolari che controllano i ritmi circadiani. In sostanza, quell’orologio biologico che detta all’organismo i cicli di giorno e nott...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *