(foto via Pixabay)Sono 16 i farmaci il cui brevetto andrà in scadenza entro la fine del 2017 e la competizione con i corrispettivi equivalenti e biosimilari dovrebbe far risparmiare sia ai pazienti sia al Sistema sanitario nazionale qualcosa come 600mila euro. La lista dei brevetti in scadenza, resa nota da Assogenerici (l’organo di rappresentanza ufficiale dell’industria dei farmaci generici equivalenti e biosimilari in Italia), comprende prevalentemente farmaci di classe A, ma ci sono anche due farmaci di classe H e due di classe C, tra cui il costoso ma assai utilizzato Cialis.
Ecco la lista dei brevetti in scadenza:
Rosuvastatina (Crestor) – diffusissimo anti-colesterolo
Rupatadina (Pafinur) – antistaminico
Olmesartan (Olmetec) – anti-ipertensivo
Dutasteride (Avodart/Duagen) – farmaco per i problemi di prostata
Tadalafil (Cialis) – trattamento delle disfunzioni erettili
Bimatoprost – trattamento del glaucoma
Caspofungin – anti-micotico, viene utilizzato nelle candidosi per esempio
Bosentan – vasodilatatore
Ertapenem – antibiotico
Tramadolo + paracetamolo – analgesico, combatte il dolore
Etoricoxib – antinfiammatorio
Tigeciclina – antibiotico
Pegfilgrastim (Neulasta) – trattamento della neutropenia indotta dalla chemioterapia
Abatacept (Orencia) – immunosoppressivo
Olopatadina – anti-allergico
Valganciclovir – antivirale
Assogenerici stima che la decadenza dei brevetti possa portare a un abbassamento dei prezzi fino al 60% sul costo dell’originale, che, su un mercato che oltrepassa il miliardo di euro, corrisponderebbero a un risparmio di 600mila euro, a giovamento sia dei pazienti sia del Sistema sanitario nazionale.
Ci si augura, insomma, soprattutto per Cialis e Crestor, che si replichi la situazione che l’anno passato si è verificata con Imatinib, il principio attivo di uno dei primi “anticancro intelligenti”. Se infatti il costo di una pastiglia del farmaco originale

Articoli correlati

  • Listeria, il ministero della Salute tranquillizza: “nessun focolaio in Italia”July 9, 2018 Listeria, il ministero della Salute tranquillizza: “nessun focolaio in Italia” (foto: Anjelika Gretskaia/Getty Images)Nuovo allarme in tema di sicurezza alimentare: si tratta della potenziale contaminazione da batterio Listeria, per la quale due giorni fa è arrivato l’annuncio del ritiro di alcuni lotti di vegetali surgelati della Findus. La segnalazione dell&...
  • Xylella, le tesi complottiste tornano in SenatoJuly 20, 2018 Xylella, le tesi complottiste tornano in Senato (foto: Tiziana Fabi / Getty Images)A volte ritornano: ancora fake news su Xylella fastidiosa, il batterio che sta provocando il disseccamento rapido degli ulivi in Salento. E stavolta vanno a costituire l’impianto dell’atto ufficiale (pubblicato il 17 luglio 2018) con cui una strana c...
  • Ecco le date di uscita degli iPhone 2018August 22, 2018 Ecco le date di uscita degli iPhone 2018 Importante indiscrezione che arriva dalla Germania a proposito delle nuove generazioni degli iPhone 2018. Si mette sul piatto sia la data di inizio delle prenotazioni sia dell’uscita vera e propria in commercio. Sembra dunque che i nuovi iPhone 2018 saranno prenotabili a partire dal prossim...
  • Facebook sblocca utenti indesiderati: il bug coinvolge 800mila personeJuly 4, 2018 Facebook sblocca utenti indesiderati: il bug coinvolge 800mila persone Qualcuno avrà creduto nella clemenza divina, quando invece si trattava solamente di un altro bug di Facebook. Per un errore, utenti che erano stati bloccati sono risultati temporaneamente sbloccati. Questo quello che spiega il post ufficiale dell’azienda, che parla di ...
  • Ecco chi ha comprato il debito dell’ItaliaMay 30, 2018 Ecco chi ha comprato il debito dell’Italia (Foto: Banca d’Italia)Oltre un terzo del debito pubblico italiano continua a essere in mano straniera. È quanto emerge dalla relazione annuale sul 2017 della Banca d’Italia. Pur diminuita di un sottile 0,7%, la quota di titoli in mano alle grandi banche mondiali e alle istituzi...
  • Quale è il contributo all’economia dei migranti regolari? I numeri da cui partireJune 4, 2018 Quale è il contributo all’economia dei migranti regolari? I numeri da cui partire Se vogliamo parlare di integrazione effettiva di chi ottiene il permesso di soggiorno in Italia ci sono due aspetti da considerare: da una parte i tassi di occupazione, di disoccupazione e inattività delle persone non comunitarie regolarmente soggiornanti nel nostro paese sono grosso modo ...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *