(Foto: Maurizio Pesce / Wired)Quanto è imbarazzante parlare con il proprio assistente vocale in pubblico? Secondo molti utenti di smartphone fin troppo, al punto che una buona percentuale di questi piuttosto che farsi ascoltare mentre impartisce ordini a un algoritmo preferisce rinunciare a sfruttarne i servigi. Per questo probabilmente Google ha intenzione di rivedere la parola d’ordine che attiva il suo Google Assistant, passando dalla classica “Ok, Google”, a un “Hey Google” che ricorda l’attivazione di Siri, Alexa e Cortana.
L’idea che rimbalza nella testa degli ingegneri di Mountain View è stata intercettata sotto forma di linee di codice all’interno della versione 7.3.28.21 dell’app di ricerca Google, al momento disponibile solo sui nuovi Google Pixel 2 freschi di annuncio. Non è ancora chiaro dunque se la novità sia già pronta, se sarà disponibile per tutti dopo il lancio dei telefoni o se occorrerà ancora del tempo prima che arrivi sugli altri smartphone.
Per quel che concerne la scelta di un Apriti Sesamo così simile a quello scelto dalla concorrenza, occorre considerare che trovarne uno originale non è semplicissimo: la frase in questione dev’essere allo stesso tempo sufficientemente complessa da permettere all’algoritmo in ascolto di identificarla inequivocabilmente, ma soprattutto abbastanza semplice e immediata perché un essere umano non si trovi in imbarazzo nel pronunciarla, in salotto o sui mezzi pubblici.
Un’ipotesi è che la società voglia rendere possibile, almeno in un primo momento, attivare l’assistente digitale utilizzando entrambe le parole d’ordine: “Ok, Google” rimarrebbe attivo in fase di transizione per poi lasciare il posto

Articoli correlati

  • Amazon ci prova: Alexa sugli occhiali intelligenti?September 20, 2017 Amazon ci prova: Alexa sugli occhiali intelligenti? L’indiscrezione arriva dal Financial Times, che cita fonti familiari al progetto, ed è rimbalzata su diversi siti tecnologici: Amazon sarebbe al lavoro nei suoi Lab 126 (i laboratori dove si sviluppano le innovazioni di prodotto dedicate alla smart home) su un dispositivo indossabil...
  • Lo storage illimitato dei Pixel 2 varrà solo fino al 2020October 9, 2017 Lo storage illimitato dei Pixel 2 varrà solo fino al 2020 (Foto: Maurizio Pesce / Wired)Illimitato ma solo fino a data da destinarsi. Google ha lanciato i nuovi smartphone Pixel 2 e Pixel 2 XL promettendo storage infinito e gratuito su Google Photos per tutte le immagini scattate ma senza dirci una cosa: questa possibilità non vale per sempr...
  • Amazon è al lavoro su un paio di occhiali intelligentiSeptember 22, 2017 Amazon è al lavoro su un paio di occhiali intelligenti Mentre i Glass latitano, è Amazon a prendere in mano i nostri occhi proponendoci dei dispositivi hi-tech che forse avranno più fortuna di quelli di Google. Stando al Financial Times, gli occhiali saranno diversi da quelli di Big G, e anche da quelli di Snapchat. Al centro infatti ci...
  • Non solo generalisti, gli assistenti virtuali entrano in ufficioDecember 11, 2017 Non solo generalisti, gli assistenti virtuali entrano in ufficio La frizione è il più grande nemico dell’efficienza: il tempo che si perde nel cercare un documento o dei dati, quello richiesto a prenotare una stanza per una riunione, quello per regolare un proiettore prima di un meeting o per segnare gli appuntamenti in agenda. Piccole cos...
  • Il governo delle macchineOctober 21, 2017 Il governo delle macchine Più che robotica, chiamatela roboetica. Le macchine devono essere sempre al servizio dell’uomo e non viceversa. Il futuro dei robot deve essere guidato da precise scelte morali con una serie di leggi che governino la progettazione delle macchine. E’ una visione molto chiara que...
  • L’AI di Google ha il doppio del QI di Siri. Ma un bambino di 6 anni supera entrambeNovember 15, 2017 L’AI di Google ha il doppio del QI di Siri. Ma un bambino di 6 anni supera entrambe Quanto sono intelligenti gli assistenti virtuali che portiamo nei nostri smartphone o con cui ci imbattiamo nelle diverse piattaforme? Tanto o poco, dipende come sempre dai punti di vista. Al vertice della classifica, secondo un paper firmato da un trio di ricercatori cinesi fra cui Yong Shi, vic...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *