Perché il Monopoli è stato concepito per essere il gioco più frustrante del mondo

Trovarsi con amici o parenti per giocare una partita di Monopoli non è un buon modo per stare insieme o per rilassarsi in compagnia. In altri termini: innervosirsi e sentire un sentimento di frustrazione mentre si compete al gioco da tavolo più famoso del mondo è una cosa normalissima; anzi, è nato proprio per questo scopo.
La storia del Monopoli inizia a Washington DC nel 1903 (cioè ben 30 anni prima che venisse registrato il brevetto dell’attuale versione del game), quando una donna di nome Elizabeth Magie inventò un gioco da tavolo denominato “The Landlord’s Game”, ossia il gioco del proprietario terriero. La struttura dell’invenzione della signora Magie è, infatti, decisamente simile a quella del classico Monopoli, con un tabellone quadrato con 40 caselle, proprietà da acquistare, tasse e multe da pagare e perfino già l’angolo della prigione. In base al risultato dei dadi si avanzava con le pedine ed iniziava il divertimento per i partecipanti; peccato che far divertire era l’ultimo degli obiettivi di Elizabeth.
Lo scopo vero di Magie era trasmettere una panoramica dei problemi causati dalla gestione del denaro agli inizi del ‘900, e le implicazioni negative provocate dall’accumulo di capitale. “È una dimostrazione pratica del sistema attuale di land grabbing con tutti i suoi risultati e le conseguenze”, dichiarò la stessa Magie ad una rivista politica, secondo quanto riportato da The Guardian. “Potrebbe anche essere stato chiamato il ‘Gioco della Vita’, in quanto contiene tutti gli elementi di successo e fallimento nel mondo reale, e lo scopo è lo stesso

Articoli correlati

  • La prima schedina microSd da 512 gigabyteJanuary 23, 2018 La prima schedina microSd da 512 gigabyte Signori, è tempo di dare un po’ di energia ai nostri smartphone. Integral Memory ha finalmente presentato la prima microSD da 512 gigabyte, un mostro di storage capace di portare un vero e proprio hard disk in punta di dito. Tutta nera, la schedina è certificata UHS-I U1 ed &e...
  • HoloPlayer One, il proiettore per ologrammi interattiviNovember 28, 2017 HoloPlayer One, il proiettore per ologrammi interattivi Quando parliamo di ologrammi ormai il primo pensiero che fa capolino in testa riguarda il visore HoloLens di Microsoft, ma il gadget per la realtà aumentata del gruppo di Redmond non è l’unica applicazione esistente che fa leva su questo concetto; una delle ultime idee arriva ...
  • EcoQube C, l’acquario da scrivania che si gestisce da soloDecember 22, 2017 EcoQube C, l’acquario da scrivania che si gestisce da solo Avete sempre desiderato un acquario, ma non sapreste dove metterlo? Siete affascinati dai pesci tropicali, ma troppo pigri per prendervene cura? L’acquario cubico sviluppato dalla startup californiana Aqua Design Innovations potrebbe fare al caso vostro: compatto, a...
  • Ces 2018, con Artgasm l’orgasmo diventa un’opera d’arteJanuary 10, 2018 Ces 2018, con Artgasm l’orgasmo diventa un’opera d’arte Las Vegas – Prendi un vibratore, consuma un orgasmo e fanne un’opera d’arte. Potrebbe sembrare l’inizio di una scena di un film erotico, in realtà si tratta di Artgasm, un progetto senza precedenti che andrà in scena per la prima volta tra i padiglioni del Co...
  • Occhio ai gadget smart di seconda mano, potrebbero essere compromessi da prima dell’acquistoJanuary 3, 2018 Occhio ai gadget smart di seconda mano, potrebbero essere compromessi da prima dell’acquisto Con tutti i nuovi malware e gli attacchi informatici che affollano le news specializzate è difficile non diventare iperprotettivi sulla sicurezza dei propri dispositivi. Ecco allora un ulteriore spunto per dare sfogo alla paranoia: e se i gadget che acquistiamo fossero compromessi ancora p...
  • At&T brucia i tempi: il 5G sarà disponibile da fine 2018January 4, 2018 At&T brucia i tempi: il 5G sarà disponibile da fine 2018 Il 5G potrebbe essere alle porte. La rete mobile superveloce che surclassa di netto il 4G potrebbe arrivare entro fine anno e a sostenerlo è un grande protagonista delle telecomunicazioni mondiali, At&T. L’azienda statunitense vuole bruciare sul tempo i concorrenti e prevede di l...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *