Troppi link da inviare? Wakelet li organizza in raccolte interattive

Inviare una serie di link copia incollati, in effetti, non è né pratico, né bello a vedersi. Eppure, serve e si fa ogni giorno: per passare materiali ai colleghi, adunare fonti per una presentazione o simili, organizzare le vacanze.
Quando qualcuno snellisce una pratica che per anni si è fatta in un certo modo, scomodo ai più, la reazione più prossima è: “Fico!”.
La piattaforma Wakelet ha ideato lo strumento QuickWave, che organizza più link in un’unica raccolta interattiva. Non serve iscriversi: è sufficiente inserire il primo link e poi aggiungere gli altri con il tasto “+”.

Una volta completata la collezione, un bottone genererà un link unico al quale i destinatari potranno trovare tutti i collegamenti indicati dal mittente, ma organizzati in una comoda pagina.

Iscrivendosi, invece — ci si può autenticare via Facebook, Google, o creando un account ad hoc — si accede a quello che a tutti gli effetti è un social network. Sulla propria bacheca verranno pubblicate le raccolte, organizzate a piacimento (con la possibilità di aggiungere foto e altri contenuti). La piattaforma offre anche un servizio di messaggistica.

The post Troppi link da inviare? Wakelet li organizza in raccolte interattive appeared first on Wired.

Articoli correlati

  • Chrome permetterà di bloccare l’audio dei video che partono in automaticoAugust 28, 2017 Chrome permetterà di bloccare l’audio dei video che partono in automatico L’autoplay ha i giorni contati, almeno se usi Chrome. Gli sviluppatori del browser di Google stanno testando una nuova funzione che ci permette di silenziare i video che partono in automatico sui vari siti, e il bello è che l’hanno resa già disponibile. Se fino a qu...
  • Finalmente si può bloccare anche Zuckerberg su FacebookSeptember 5, 2017 Finalmente si può bloccare anche Zuckerberg su Facebook (Foto: Rodrigo Buendia/Getty Images)Anche l’invulnerabilità ha la scadenza e l’ora in cui si potrà bloccare Mark Zuckerberg su Facebook è (quasi) arrivata. Il suo è una versione alternativa dell’essere amico di tutti, come lo era il celebre Tom d...
  • Si cercano più cose sui social network che su GoogleSeptember 14, 2017 Si cercano più cose sui social network che su Google Google non è più la fonte principale da cui partono gli utenti per le ricerche sul web. Un lento declino iniziato da quattro anni, analizzando il solo traffico generato negli Usa, Data Science Central ricostruisce che si tratta di una diminuzione a doppia cifra che, in alcuni specif...
  • Se i torrent chiudono, i pirati vanno su Google DriveSeptember 7, 2017 Se i torrent chiudono, i pirati vanno su Google Drive Se la maggior parte dei servizi a marchio “Torrent” (più suffisso a piacimento) vengono chiusi, quale miglior modo per nascondersi che non nascondersi affatto? Sembra proprio che, mentre Pirate Bay sta lì a tenere le chiavi del fortino, si stia facendo strada u...
  • I dati intimi degli utenti sono quelli che più interessano all’industria techSeptember 29, 2017 I dati intimi degli utenti sono quelli che più interessano all’industria tech “Sanno tutto di noi”: il dibattito sulla gestione dei big data da parte delle grandi aziende, di solito, tende a finire con questa frase (o simili). La preoccupazione più diffusa, presso l’opinione comune, è che i movimenti online raccontino non solo i gusti commer...
  • Le password con simboli e numeri non servono a nienteAugust 9, 2017 Le password con simboli e numeri non servono a niente “La tua password deve contenere almeno una maiuscola, una minuscola, un numero e un simbolo”. Chiunque si è trovato almeno una volta nella vita davanti a una richiesta del genere nella creazione delle proprie credenziali di accesso al sito di home banking o all’account az...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *