Troppi link da inviare? Wakelet li organizza in raccolte interattive

Inviare una serie di link copia incollati, in effetti, non è né pratico, né bello a vedersi. Eppure, serve e si fa ogni giorno: per passare materiali ai colleghi, adunare fonti per una presentazione o simili, organizzare le vacanze.
Quando qualcuno snellisce una pratica che per anni si è fatta in un certo modo, scomodo ai più, la reazione più prossima è: “Fico!”.
La piattaforma Wakelet ha ideato lo strumento QuickWave, che organizza più link in un’unica raccolta interattiva. Non serve iscriversi: è sufficiente inserire il primo link e poi aggiungere gli altri con il tasto “+”.

Una volta completata la collezione, un bottone genererà un link unico al quale i destinatari potranno trovare tutti i collegamenti indicati dal mittente, ma organizzati in una comoda pagina.

Iscrivendosi, invece — ci si può autenticare via Facebook, Google, o creando un account ad hoc — si accede a quello che a tutti gli effetti è un social network. Sulla propria bacheca verranno pubblicate le raccolte, organizzate a piacimento (con la possibilità di aggiungere foto e altri contenuti). La piattaforma offre anche un servizio di messaggistica.

The post Troppi link da inviare? Wakelet li organizza in raccolte interattive appeared first on Wired.

Articoli correlati

  • Perché le pagine di Wikipedia in Italia sono oscurate?July 3, 2018 Perché le pagine di Wikipedia in Italia sono oscurate? Chi non ne sa niente, lo scoprirà. Eccome, se lo scoprirà. La comunità italiana di Wikipedia ha deciso di far conoscere cosa sta per succedere al Parlamento europeo in merito di copyright rispondendo con un comunicato che compare su ogni ricerca effettuata sull’enciclop...
  • I giganti della tecnologia lottano ancora per la net neutrality?May 28, 2018 I giganti della tecnologia lottano ancora per la net neutrality? La battaglia per ottenere nuovamente le norme a favore della Net Neutrality (la neutralità di internet), spazzate dalla Federal Communications Commission (Fcc) a guida repubblicana, è ancora in piedi. E se sembra meno partecipata dai giganti della tecnologia è solo perch...
  • Pubblicità personalizzata, Google spiega come la sceglie e come disattivarlaJune 15, 2018 Pubblicità personalizzata, Google spiega come la sceglie e come disattivarla “Senator, we run ads”: quando Mark Zuckerberg ha risposto con queste parole nel corso dell’udienza davanti al Congresso degli Stati Uniti, l’occhio di bue che negli ultimi mesi ha illuminato la gestione dei dati personali degli utenti ha allargato il diametro, ridestando l...
  • Maturità, l’Algeria spegne internet a tutti per non far copiare gli studentiJune 22, 2018 Maturità, l’Algeria spegne internet a tutti per non far copiare gli studenti Nuove frontiere delle misure di sicurezza nazionali: mettere offline tutto il Paese per due ore, onde evitare che gli studenti imbroglino agli esami. Questo è stato il provvedimento attuato dall’Algeria nei confronti delle sessioni di quest’anno delle scuole superiori...
  • YouTube ci riprova contro le Fake News identificando le fonti autorevoliJuly 10, 2018 YouTube ci riprova contro le Fake News identificando le fonti autorevoli YouTube rimette mano a uno dei principali problemi che ha tenuto banco prima che tutti fossero assorbiti dallo scandalo di Cambridge Analytica e dalle sue ripercussioni sulla privacy, cioè la disinformazione sulla piattaforma. L’azienda annuncia nuove funzioni a contrasto, nell&rsquo...
  • Sì, ai Mondiali la Francia ha battuto anche (soprattutto) il razzismo socialJuly 16, 2018 Sì, ai Mondiali la Francia ha battuto anche (soprattutto) il razzismo social Getty ImagesPer prima cosa volevo ringraziare le orde di sovranisti, fascisti e commentatori con la bava alla bocca per avermi portato a tifare Francia, non pensavo sarebbe mai successo, ma vedere così tanta gente segretamente invidiosa delle doti atletiche dei calciatori francesi mi ha po...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *