Oggi parte il satellite atmosferico Sentinel-5p

Noordwijk, Paesi Bassi – Tutto pronto per il lancio di Sentinel-5p, il satellite dell’Agenzia spaziale europea (Esa), al momento sulla rampa di lancio al cosmodromo di Plesetsk, a circa 800 chilometri a Nord di Mosca. La partenza verso l’orbita terrestre è prevista alle 11:27 del 13 ottobre. Il suo scopo principale? “Monitorare la qualità dell’aria, fornendo indicazioni importanti sull’origine dell’inquinamento atmosferico“, ci racconta il project manager di Sentinel-5p Kevin McMullan presso centro di ricerca Estec dell’Esa, dove si tiene l’evento europeo dedicato al lancio. “Milioni di persone muoiono ogni anno prematuramente a causa dell’inquinamento e il nostro satellite sarà nel posto migliore per analizzare l’atmosfera: in orbita“. Così sarà possibile capire quali luoghi sono i più inquinati del pianeta e quindi dove agire per migliorare la qualità dell’aria.
Che cosa misura Sentinel-5p
Il satellite Sentinel-5p porterà in orbita, a 824 chilometri sopra le nostre teste, Tropomi (Tropospheric Monitoring Instrument), uno spettrometro che rileva lunghezze d’onda ultraviolette, visibili e infrarosse. In pratica, questo strumento leggerà la luce riflessa dalla nostra atmosfera, scomponendola per capirne la sua composizione, mappando l’intero pianeta ogni 24 ore. Grazie a Tropomi, Sentinel-5p ci restituirà informazioni su diversi inquinanti dovuti al traffico nelle nostre città, come il monossido di carbonio e il diossido di azoto, prodotti dalla combustione dei carburanti fossili nei veicoli che usiamo tutti i giorni. Anche la formaldeide, risultato degli incendi delle foreste sul nostro pianeta, e il metano, un potente gas serra che altera il clima, saranno tenuti sotto controllo.

Ma non solo. Tropomi farà attenzione anche all’ozono, che ci protegge dalle dannose radiazioni

Articoli correlati

  • Allarme smog nel Nord, 25 città oltre il limite delle polveri sottiliOctober 20, 2017 Allarme smog nel Nord, 25 città oltre il limite delle polveri sottili La situazione a Torino è delicata, dove il limite di Pm10 è stato superato per 69 giorni, e ha raggiunto i 114 microgrammi per metro cubo. Ci sono altri 25 centri abitati in cui il limite della concentrazione di polveri sottili è stato superato per più di 35 giorni, tr...
  • Immersi nel cratere, immersi in quattro viteOctober 30, 2017 Immersi nel cratere, immersi in quattro vite Il 24 agosto del 2016 eravamo in redazione preparando la prima edizione del Wired Next Fest di Firenze. La notizia del terremoto che colpì il centro Italia causando 300 morti ci portò a rivedere parte del programma del festival che sarebbe iniziato 20 giorni dopo. Ci impegnammo...
  • Italia e maltempo, 7 morti a Livorno, forti disagi a Roma e a NapoliSeptember 11, 2017 Italia e maltempo, 7 morti a Livorno, forti disagi a Roma e a Napoli A Livorno la situazione è critica. Lo ha detto il sindaco Filippo Nogarin commentando la richiesta, accordata, di stato di calamità. In due ore sono caduti 260 millimetri di pioggia, tanti quanti di norma ne cadono in due mesi. La città è in serie difficoltà, tr...
  • La sfida dell’Italia per riciclare la plastica che ancora non si riusaNovember 10, 2017 La sfida dell’Italia per riciclare la plastica che ancora non si riusa Tra qualche settimana Corepla, il consorzio del riciclo degli imballaggi di plastica, presenterà alla Commissione europea i risultati di un test in Sicilia. L’isola, come spiega il presidente dell’ente, Antonello Ciotti, è “uno dei più grandi consumator...
  • L’Ue striglia l’Italia: non può impedire la coltivazione di ogmSeptember 13, 2017 L’Ue striglia l’Italia: non può impedire la coltivazione di ogm La Corte di giustizia europea ha affrontato il caso di Giorgio Fidenato, agricoltore perseguito per legge dalla Guardia forestale e condannato a pagare 16mila euro perché, nel 2014, ha coltivato mais ogm, non osservando un decreto ministeriale emanato l’anno precedente che vietava ta...
  • Il diesel causa 5mila morti all’anno in Europa. E l’Italia è prima per inquinamentoSeptember 18, 2017 Il diesel causa 5mila morti all’anno in Europa. E l’Italia è prima per inquinamento Sulla carta i veicoli diesel moderni sono assai più verdi che nella realtà. Manipolati dai produttori per farli apparire sulla carta più ecologici di quanto siano, sono responsabili di circa 5mila morti all’anno in Europa a causa dell’inquinamento atmosferico da l...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *