Oggi parte il satellite atmosferico Sentinel-5p

Noordwijk, Paesi Bassi – Tutto pronto per il lancio di Sentinel-5p, il satellite dell’Agenzia spaziale europea (Esa), al momento sulla rampa di lancio al cosmodromo di Plesetsk, a circa 800 chilometri a Nord di Mosca. La partenza verso l’orbita terrestre è prevista alle 11:27 del 13 ottobre. Il suo scopo principale? “Monitorare la qualità dell’aria, fornendo indicazioni importanti sull’origine dell’inquinamento atmosferico“, ci racconta il project manager di Sentinel-5p Kevin McMullan presso centro di ricerca Estec dell’Esa, dove si tiene l’evento europeo dedicato al lancio. “Milioni di persone muoiono ogni anno prematuramente a causa dell’inquinamento e il nostro satellite sarà nel posto migliore per analizzare l’atmosfera: in orbita“. Così sarà possibile capire quali luoghi sono i più inquinati del pianeta e quindi dove agire per migliorare la qualità dell’aria.
Che cosa misura Sentinel-5p
Il satellite Sentinel-5p porterà in orbita, a 824 chilometri sopra le nostre teste, Tropomi (Tropospheric Monitoring Instrument), uno spettrometro che rileva lunghezze d’onda ultraviolette, visibili e infrarosse. In pratica, questo strumento leggerà la luce riflessa dalla nostra atmosfera, scomponendola per capirne la sua composizione, mappando l’intero pianeta ogni 24 ore. Grazie a Tropomi, Sentinel-5p ci restituirà informazioni su diversi inquinanti dovuti al traffico nelle nostre città, come il monossido di carbonio e il diossido di azoto, prodotti dalla combustione dei carburanti fossili nei veicoli che usiamo tutti i giorni. Anche la formaldeide, risultato degli incendi delle foreste sul nostro pianeta, e il metano, un potente gas serra che altera il clima, saranno tenuti sotto controllo.

Ma non solo. Tropomi farà attenzione anche all’ozono, che ci protegge dalle dannose radiazioni

Articoli correlati

  • Maltempo, pioggia e neve portano disagi in tutta ItaliaDecember 28, 2017 Maltempo, pioggia e neve portano disagi in tutta Italia Il maltempo non ha dato tregua ai disagi in queste ultime ore. In Trentino sono caduti fino a 80 centimetri di neve e la viabilità, benché generalmente buona, diventa problematica mano a mano che ci si avvicina ai passi del Pordoi e del Sella. A Madonna di Campiglio qualche problema...
  • Tari e errori di calcolo, ecco come chiedere il rimborsoNovember 21, 2017 Tari e errori di calcolo, ecco come chiedere il rimborso Chi ha diritto un rimborso per avere pagato più del dovuto la Tassa sui rifiuti (Tari) deve seguire una procedura semplice. Basta una lettera al proprio Comune, indicando tutte le informazioni utili a essere identificati come contribuenti, quanto si è pagato in totale e a quanto inv...
  • Giorni della merla, sono davvero i più freddi dell’anno?January 28, 2018 Giorni della merla, sono davvero i più freddi dell’anno? Nevicate, gelo, temperature in caduta libera: è questo ciò che ci aspettiamo quando si preannunciano giornate fredde, freddissime, durante i mesi invernali. Ed è quello che alcuni si aspettavano, e si aspettano ogni anno, da queste ultime giornate di gennaio, conosciute in ge...
  • Inquinamento: le mappe per controllare la qualità dell’ariaNovember 18, 2017 Inquinamento: le mappe per controllare la qualità dell’aria Una mappa interattiva che consente ai cittadini di monitorare la qualità dell’aria in tempo reale nelle città dell’Ue. La piattaforma è stata lanciata dall’Agenzia dell’Ambiente e dalla Commissione europea. Gli utenti possono cercare o ingrandire quals...
  • Smog: ecco le mappa interattiva per  misurare la qualità dell’aria nelle cittàNovember 16, 2017 Smog: ecco le mappa interattiva per misurare la qualità dell’aria nelle città Una mappa interattiva che consente ai cittadini di monitorare la qualità dell’aria in tempo reale nelle città dell’Ue. La piattaforma è stata lanciata dall’Agenzia dell’Ambiente e dalla Commissione europea. Gli utenti possono cercare o ingrandire quals...
  • Terremoto a Parma, cosa sappiamo finoraNovember 20, 2017 Terremoto a Parma, cosa sappiamo finora Alle 13:37 di domenica 20 novembre 2017, una scossa di terremoto di magnitudo momento 4,4 ha fatto tremare il suolo nei pressi di Fornovo di Taro, a 26 chilometri dalla città di Parma. L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), naturalmente, ha subito attivato la sua re...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *