Oggi parte il satellite atmosferico Sentinel-5p

Noordwijk, Paesi Bassi – Tutto pronto per il lancio di Sentinel-5p, il satellite dell’Agenzia spaziale europea (Esa), al momento sulla rampa di lancio al cosmodromo di Plesetsk, a circa 800 chilometri a Nord di Mosca. La partenza verso l’orbita terrestre è prevista alle 11:27 del 13 ottobre. Il suo scopo principale? “Monitorare la qualità dell’aria, fornendo indicazioni importanti sull’origine dell’inquinamento atmosferico“, ci racconta il project manager di Sentinel-5p Kevin McMullan presso centro di ricerca Estec dell’Esa, dove si tiene l’evento europeo dedicato al lancio. “Milioni di persone muoiono ogni anno prematuramente a causa dell’inquinamento e il nostro satellite sarà nel posto migliore per analizzare l’atmosfera: in orbita“. Così sarà possibile capire quali luoghi sono i più inquinati del pianeta e quindi dove agire per migliorare la qualità dell’aria.
Che cosa misura Sentinel-5p
Il satellite Sentinel-5p porterà in orbita, a 824 chilometri sopra le nostre teste, Tropomi (Tropospheric Monitoring Instrument), uno spettrometro che rileva lunghezze d’onda ultraviolette, visibili e infrarosse. In pratica, questo strumento leggerà la luce riflessa dalla nostra atmosfera, scomponendola per capirne la sua composizione, mappando l’intero pianeta ogni 24 ore. Grazie a Tropomi, Sentinel-5p ci restituirà informazioni su diversi inquinanti dovuti al traffico nelle nostre città, come il monossido di carbonio e il diossido di azoto, prodotti dalla combustione dei carburanti fossili nei veicoli che usiamo tutti i giorni. Anche la formaldeide, risultato degli incendi delle foreste sul nostro pianeta, e il metano, un potente gas serra che altera il clima, saranno tenuti sotto controllo.

Ma non solo. Tropomi farà attenzione anche all’ozono, che ci protegge dalle dannose radiazioni

Articoli correlati

  • Scopri quali sono i Comuni più “naturali” d’ItaliaSeptember 22, 2018 Scopri quali sono i Comuni più “naturali” d’Italia Nel 2017, mostrano le rilevazioni dell’ultimo rapporto ISPRA , la fetta di suolo italiano consumato è arrivata al 7,65% del territorio nazionale complessivo, in crescita di 0,02 punti percentuali rispetto al 2016. Un aumento da immaginare come un quadrato con un lato lungo 52 chilome...
  • Incendi in Grecia, ecco cosa è andato a fuoco e doveJuly 26, 2018 Incendi in Grecia, ecco cosa è andato a fuoco e dove Foto: Ervins Strauhmanis/flickrSecondo le ultime stime, i morti causati dagli incendi che hanno coinvolto alcune località greche sono 81, ma ci si aspetta che il numero aumenti perché risultano ancora decine di dispersi. Per dare una prima occhiata ai danni prodotti dalle fiamme pos...
  • Tra raggi cosmici e droni low cost, gli obiettivi della missione PolarQuest 2018July 24, 2018 Tra raggi cosmici e droni low cost, gli obiettivi della missione PolarQuest 2018 Nanuq al porto di Isafjordur, in IslandaÍsafjörður, Islanda – A guardarlo mentre si allontana dal porto di Ísafjörður, nell’Islanda nord occidentale, il veliero Nanuq sembra il Nautilus del capitano Nemo. Sarà per lo scafo d’alluminio ...
  • Milano, Wired regala 26 panchine per il parco MontanelliJuly 13, 2018 Milano, Wired regala 26 panchine per il parco Montanelli Da questo weekend sarà ancora più comodo godersi le bellezze naturalistiche e il clima rilassato del parco Indro Montanelli. È infatti in corso la posa di 26 panchine, che vanno a sostituire quelle ammalorate, grazie al contratto di collaborazione tecnica stipulato tra i...
  • L’autunno in giro per il mondoSeptember 21, 2018 L’autunno in giro per il mondo Autunno Autunno Autunno Autunno Autunno Autunno Autunno Autunno Autunno L’equinozio d’autunno, ovvero il momento in cui il sole si trova allo zenit dell’equatore,cade quest’anno alle 3:54 del 23 settembre e sancisce la fine della bella stagione e l’avvicinarsi d...
  • Clima, davvero la Terra rischia di diventare una serra?August 9, 2018 Clima, davvero la Terra rischia di diventare una serra? Ridurre le emissioni di CO2 potrebbe non bastare per evitare che la Terra diventi una vera e propria serra, invivibile per noi esseri umani. A lanciare l’allarme su Pnas è stato un team di ricerca internazionale secondi cui se le temperature globali continueranno ad aumentare fino a ...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *