sommerso
La lenta uscita dalla crisi porta con sè una ricomposizione dell’economia non osservata, ovvero quella componente delle attività che comprendono il sommerso e l’illegale. Calano le sotto-dichiarazioni di redditi, fatturato e costi alle autorità fiscali da parte delle imprese (-2% sul 2014) mentre segna un nuovo incremento (+1,6%) il lavoro nero.
Nel 2015, anno per il quale ieri Istat ha rilasciato nuovi dati, s’è registrato un brusco calo (-0,5%) di questa componente del prodotto nazionale, che s’è fermata attorno ai 208 miliardi, pari al 12,6% del Pil. Il valore aggiunto generato dall’economia sommersa ammonta a poco più di 190 miliardi di euro, quello connesso alle attività illegali (incluso l’indotto) a circa 17 miliardi di euro; un dato quest’ultimo in costante aumento dal 2012.
Il calo dell’economia non osservata nei conti nazionali è legato a doppio filo con la congiuntura ed è trainato in particolare dalle sotto-dichiarazioni, che pesano per il 44,9% del valore aggiunto. In cifre la stima si riduce è di oltre 6 miliardi, dai 99,5 del 2014 ai 93,2 del 2015. Il valore era rimasto stabile attorno ai 99 miliardi nel triennio 2012-2014 e il nuovo dato è coerente con il quadro di contabilità nazionale aggiornato lo scorso 22 settembre, con un Pil 2015 rivisto verso l’alto di 6,7 miliardi.
Articolo sul Sole 24 Ore del 12 ottobre 2017
L’articolo Oltre 3,7 milioni i lavoratori in nero. Quanto vale l’economia sommersa? sembra essere il primo su Info Data.

Articoli correlati

  • Fondo immobiliare Investietico avvia liquidazione e consegna agli investitori un Irr del 3,6%July 27, 2017 Fondo immobiliare Investietico avvia liquidazione e consegna agli investitori un Irr del 3,6% Il fondo immobiliare quotato Investietico, gestito da Sator Immobiliare sgr, ha consegnato agli investitori un Irr pari a circa il 3,6% e un equity multiplo pari a circa 1,5. Lo ha comunicato ieri la stessa sgr, precisando che il Consiglio di amministrazione ha approvato il rendiconto finale di l...
  • Prelievo fiscale ed efficienza nei servizi: ecco la regione più virtuosaSeptember 4, 2017 Prelievo fiscale ed efficienza nei servizi: ecco la regione più virtuosa mix Il sogno di ogni contribuente italiano è poter spostare la propria “residenza” nel luogo che offre il miglior mix tra livello di prelievo fiscale ed efficienza dei servizi. Una regione “ideale”, la più vicina all’equazione “paghi il minimo (d...
  • Cosa ci hanno insegnato vent’anni di gestione del debito pubblico? L’analisiJuly 31, 2017 Cosa ci hanno insegnato vent’anni di gestione del debito pubblico? L’analisi Il Governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, tempo fa ha raccontato un aneddoto che la dice lunga sul rapporto che abbiamo con il nostro debito pubblico e su come, per questo, siamo considerati in Europa. Rievocando un incontro avuto con Hans Tietmeyer poco prima che morisse, nell&rs...
  • Demografia: calcola le percentuali di sopravvivenza delle imprese (per settore)September 19, 2017 Demografia: calcola le percentuali di sopravvivenza delle imprese (per settore) Istat ha reso disponibili i dati sulla demografia d’impresa aggiornati al 2015. Andiamo con ordine.  Due anni fa le imprese nate sono 279.132 – quasi 5mila in più rispetto al 2014 – con un tasso di natalità del 7,3%, in progressivo aumento dal 2010 (+0,2 punti...
  • Demografia: calcola le percentuali di sopravvivenza delle impreseSeptember 24, 2017 Demografia: calcola le percentuali di sopravvivenza delle imprese Istat ha reso disponibili i dati sulla demografia d’impresa aggiornati al 2015. Andiamo con ordine.  Due anni fa le imprese nate sono 279.132 – quasi 5mila in più rispetto al 2014 – con un tasso di natalità del 7,3%, in progressivo aumento dal 2010 (+0,2 punti...
  • Gli utili di Piazza Affari ai livelli pre-crisi. I numeriOctober 4, 2017 Gli utili di Piazza Affari ai livelli pre-crisi. I numeri finanza Gli utili di Piazza Affari tornano ai livelli pre-crisi. Il primo semestre del 2017 si è chiuso infatti con 23 miliardi di euro di profitti netti aggregati come non accadeva dal primo semestre del 2008. Prima cioè che il collasso della banca americana Lehman Brothers, a set...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *