Il fuoco incrociato ai danni della società di antivirus Kaspersky Lab non si placa. Molti media americani hanno messo nel mirino l’azienda russa, tirandola in mezzo a ipotesi di spionaggio che la coinvolgerebbero direttamente. Una storia ancora poco chiara che rischia di avere epiloghi disastrosi per Kaspersky, che intanto sta rigettando ogni accusa. Alcune inchieste sostengono che i prodotti della società con sede a Mosca venissero utilizzati dalla Russia per spiare gli Stati Uniti d’America. Il tutto grazie ad alcune modifiche nel software possibili solo grazie al benestare della società produttrice. Accuse pesantissime, insomma. E non è un caso che Donald Trump abbia deciso di interrompere ogni rapporto commerciale in essere fra Kaspersky Lab e gli enti governativi americani già a settembre scorso.

Una vicenda tutta da capireLa faccenda, tuttavia, rimane coperta da molte nubi. E c’è chi è convinto che Kaspersky Lab possa essere semplicemente l’agnello sacrificale di una storia ben più complessa che collega Mosca e Washington. Ma perché proprio Kaspersky? La risposta potrebbe risiedere tutta nella storia del fondatore dell’azienda: Eugene Kaspersky. Un matematico puro, occhi di ghiaccio e emozioni imperscrutabili anche davanti a un bicchiere di vodka. È nato nel 1965 a Novorossijsk, nella Russia meridionale, lontano dalle gelate siberiane. Ma i suoi studi li ha portati a compimento a Mosca. La laurea è arrivata nel 1987, a soli 22 anni, presso la Facoltà di Matematica dell’Institute of Cryptography, Telecommunications and Computer Science. Uno studente modello che nel corso della sua carriera, però, pagherà più volte

Articoli correlati

  • Wsj: «I software di Kaspersky usati dalla Russia per spiare i computer di tutto il mondo»October 11, 2017 Wsj: «I software di Kaspersky usati dalla Russia per spiare i computer di tutto il mondo» Il Russiagate si allarga e colpisce ancora una volta la società di sicurezza informatica Kaspersky, nuovamente nell’occhio del ciclone con pesanti accuse che arrivano dagli Stati Uniti. È il Wall Street Journal, che già nelle scorse settimane aveva accusato Kaspersky d...
  • Vasily Gatov e la situazione in Russia al Wired Next FestOctober 1, 2017 Vasily Gatov e la situazione in Russia al Wired Next Fest Vasily Gatov è un media researcher e scrittore russo che vive a Boston, con oltre 28 anni di esperienza nei media internazionali. Il suo incontro dal titolo Un occhio puntato sulla Russia illustra i presunti attacchi degli hacker di Mosca durante il voto americano che ha portato all&r...
  • Facebook: i post pagati dalla Russia hanno raggiunto 10milioni di utentiOctober 3, 2017 Facebook: i post pagati dalla Russia hanno raggiunto 10milioni di utenti Si arricchisce di nuovi e importanti dettagli la storia che lega Facebook e l’intrusione russa alle ultime elezioni presidenziali statunitensi. Nei giorni scorsi Mark Zuckerberg, fondatore e CEO del social network, aveva annunciato di voler fornire al governo americano il contenuto di oltr...
  • ” Chagall : gli anni del cambiamento ” a Basilea.October 10, 2017 ” Chagall : gli anni del cambiamento ” a Basilea. Chagall, gli anni del cambiamento, Basilea. Dove: Kunstmuseum a Basilea Oggetto: I lavori giovanili di Marc Chagall nel periodo 1911-19, mentre l’artista franco-russo esplorava le proprie emozioni a cavallo tra Parigi e la Russia rurale. Le opere descrivono la vita ebraica mentre in Europa ...
  • What Happened, il libro del ritorno di Hillary ClintonSeptember 12, 2017 What Happened, il libro del ritorno di Hillary Clinton Dopo la sconfitta, il tempo della catarsi in 500 pagine: dopo molte anticipazioni e parecchia attesa, esce oggi negli Stati Uniti, What Happened, il libro con cui Hillary Clinton chiude i conti, almeno pubblicamente, con la clamorosa sconfitta elettorale subita alle presidenziali 2016, quando pur...
  • Ogni azienda italiana perde 6,73 milioni all’anno a causa del Cyber CrimeSeptember 26, 2017 Ogni azienda italiana perde 6,73 milioni all’anno a causa del Cyber Crime Young male thief stealing data from computerSe 6,73 milioni di dollari vi sembrano una grossa cifra (come darvi torto, del resto), immaginate cose vorrebbe dire perderli per strada. Perché questa è, più o meno, la dinamica che porta un’azienda italiana a perdere una med...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *