(Foto: Amazon)“Un modo per dare ai ragazzi dai 13 ai 17 anni un po’ di autonomia”.  Così Amazon ha presentato for teens, il nuovo servizio che permette agli adolescenti di effettuare acquisti in maniera indipendente, senza dover utilizzare l’account dei propri genitori. O quasi. Una volta effettuato l’ordine infatti, questi ultimi potranno ricevere una notifica e decidere se consentire o meno l’acquisto. In alternativa, potrebbero decidere di assegnare dei limiti di spesa pre-impostati per ogni ordine.
Ma quella di for teens è anche e soprattutto un’ottima mossa strategica del colosso americano dell’e-commerce per raggiungere una grande fetta di nuovi acquirenti, che potranno usufruire anche del servizio Prime. Ciò significa che gli adolescenti potranno decidere di spendere la loro paghetta, non più al centro commerciale, ma effettuando ordini online da un catalogo di oltre 50 milioni di articoli in rapida consegna (sempre a patto che i genitori siamo degli utenti Prime).
(Foto: TechCrunch)I nuovi account teen fanno parte di Amazon Households, il servizio che consente ai clienti di condividere i loro account Prime con altri membri della famiglia, creare archivi digitali condivisi e gestire unitamente i pagamenti con carte di credito. “Come genitore di un adolescente, so quanto desiderino l’indipendenza, ma allo stesso tempo sono consapevole che questo desiderio deve essere bilanciato con la fiducia e la convenienza di cui i genitori hanno bisogno – ha dichiarato Michael Carr, vicepresidente di Amazon Households – Abbiamo ascoltato le famiglie e siamo riusciti a costruire insieme una grande esperienza, sia per gli adolescenti che per i

Articoli correlati

  • Qualificata ma rifiutata “perché nera”, Fatima e i pregiudizi di un paese per vecchiMay 4, 2018 Qualificata ma rifiutata “perché nera”, Fatima e i pregiudizi di un paese per vecchi Fatima Sy (foto: Etv Marche)Certo l’integrazione bisogna cominciare a praticarla dai banchi di scuola. Difficile, se non impossibile, cambiare le carte in tavola nelle persone molto anziane, ormai (spesso tristemente) radicate nelle convinzioni e nei pregiudizi. Sempre che siano stati ...
  • Facebook alla riconquista degli adolescenti: ecco il portale per i teenMay 15, 2018 Facebook alla riconquista degli adolescenti: ecco il portale per i teen L’obiettivo dichiarato è fare educazione digitale. Dal punto di vista del marketing è una mossa strategica per ri-conquistare un pubblico che negli ultimi anni ha preferito sempre più altri social media. Così si può sintetizzare la mossa di Facebook che h...
  • Dal copia-incolla alla privacy, cinque estensioni utili per FirefoxMay 3, 2018 Dal copia-incolla alla privacy, cinque estensioni utili per Firefox La nuova creatura di Mozilla, Quantum, è stata definita la rivincita di Firefox su Chrome. E visto che ogni browser chiama estensioni, eccone cinque per migliorarne le prestazioni, oppure semplicemente personalizzarlo in base alle proprie esigenze. Zuckerberg non deve sapereFacebook C...
  • Fake news, un sistema per prevedere la diffusione della disinformazioneMarch 2, 2018 Fake news, un sistema per prevedere la diffusione della disinformazione (Foto: flickr.)È possibile capire su quali argomenti può diffondersi la disinformazione? Un articolo scientifico in prepubblicazione su ArXiv propone un modello di osservazione e analisi capace di prevedere i temi sui quali, più plausibilmente, si giocher&...
  • Cos’è rimasto oggi del metodo Di Bella, a 20 anni dalla bocciaturaMarch 29, 2018 Cos’è rimasto oggi del metodo Di Bella, a 20 anni dalla bocciatura Luigi Di Bella (foto: Boris Spremo/Getty Images)Era il marzo del 1998, esattamente 20 anni fa, quando partì la discutibile sperimentazione, tutta italiana, della multiterapia Di Bella (Mdb) come potenziale rimedio contro il cancro. Furono 1.155 i pazienti coinvolti, 21 i centri di ric...
  • Rischio sismico, dove non può sorgere il deposito di scorie nucleariMarch 27, 2018 Rischio sismico, dove non può sorgere il deposito di scorie nucleari Smaltimento di scorie nucleari (foto: LaPresse)Per un paese come l’Italia, che la Protezione civile inserisce tra quelli “a maggiore rischio sismico del Mediterraneo”, il pericolo terremoti è uno dei fattori che pesa di più nella scelta di dove collocare il futuro ...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *