Il Russiagate si allarga e colpisce ancora una volta la società di sicurezza informatica Kaspersky, nuovamente nell’occhio del ciclone con pesanti accuse che arrivano dagli Stati Uniti. È il Wall Street Journal, che già nelle scorse settimane aveva accusato Kaspersky di pratiche scorrette, a rilanciare. Secondo il quotidiano statunitense, che cita funzionari americani vicini alla faccenda, il governo russo avrebbe utilizzato i prodotti antivirus di Kaspersky Lab per infiltrarsi segretamente nei computer di tutto il mondo alla ricerca di informazioni riservate e documenti relativi agli Stati Uniti. I software di Kaspersky sarebbero stati modificati in modo da fungere da strumenti di spionaggio. E le modifiche, secondo quanto riporta il Wsj, sarebbero state apportate con il consenso determinante della società di Eugene Kaspersky.
Il software modificato, a quanto pare, sarebbe in grado di eseguire la scansione dei file di ogni computer cercando vari termini o nomi codificati che riporterebbero a programmi utilizzati da enti governativi americani.
Va detto che questa è solo l’ultima accusa nei confronti di Kaspersky negli ultimi giorni. Sempre il Wall Street Journal, la scorsa settimana, aveva riferito che un hacker russo vicino al Cremlino avrebbe usato un antivirus di Kaspersky per accedere a dati di proprietà della National Security Agency (Nsa). Un fatto che risalirebbe al 2015.

Accuse anche da IsraeleAltre accuse nei confronti della società con sede a Mosca sono arrivate oggi sulle colonne del New York Times, che ha riportato una storia che porta in Israele. L’intelligence israeliana, infatti, spiando gli hacker legati al governo russo avrebbe

Articoli correlati

  • Così i russi di  Kaspersky hanno mandato all’aria un’operazione segreta degli UsaMarch 30, 2018 Così i russi di Kaspersky hanno mandato all’aria un’operazione segreta degli Usa Sembra proprio che il destino si diverta a gettare benzina sul fuoco della vicenda tra Kaspersky Lab, nota società russa specializzata in sicurezza informatica, e il governo americano che ne ha bandito i prodotti dalle sue agenzie per timori di possibili operazioni di spionaggio. Durante ...
  • Industria 4.0: sono davvero vulnerabili i robot nelle fabbriche?April 24, 2018 Industria 4.0: sono davvero vulnerabili i robot nelle fabbriche? Il business corre verso la digitalizzazione e anche l’industria ha accelerato il passo di adozione dei robot, non solo nelle catene di montaggio, ma anche in altre posizioni di supporto ai lavoratori. Il numero degli oggetti connessi a Internet negli uffici e nelle fabbriche crescerà...
  • Amna Al Qubaisi, intervista alla prima pilota araba di Formula 4June 5, 2018 Amna Al Qubaisi, intervista alla prima pilota araba di Formula 4 Bellezza mediorientale, sguardo dolce, modi sicuri e pacati, degni di un diplomatico e poco in linea con la sua età, intelligenza vivace e passione spudorata per il mondo dei motori. Si chiama Amna Al Qubaisi, ha 18 anni ed è l’astro nascente del volante, la prima donna araba ...
  • Russia 2018, tutte le tecnologie che scendono in campo nel mondialeJune 14, 2018 Russia 2018, tutte le tecnologie che scendono in campo nel mondiale Il calcio d’inizio arriva il 14 giugno e tutto è pronto per i mondiali di Russia 2018, una competizione destinata a collezionare diversi primati. Alcuni lusinghieri, altri meno. Almeno per noi, visto che – non serve ricordarlo – è la prima volta...
  • Russia, debutto col botto: il primo drone postino si schiantaApril 5, 2018 Russia, debutto col botto: il primo drone postino si schianta (Foto: Reuters, Anna Ogorodnik)Doveva essere un momento storico per le spedizioni postali in Russia — l’inaugurazione di un innovativo sistema di consegna tramite droni — e invece si è tramutato in pochi secondi in un fail roboante. Il fatto, riporta Reuters, è...
  • Mondiali di Russia 2018, ecco i calciatori più cercati onlineJune 14, 2018 Mondiali di Russia 2018, ecco i calciatori più cercati online Quelli di Russia 2018 saranno dei Campionati del Mondo sicuramente atipici per gli italiani. L’assenza della nazionale azzurra dalla competizione è un fatto difficile da metabolizzare. Il Mondiale, tuttavia, rimane sempre il Mondiale. Un appuntamento dal fascino enorme che riscuote ...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *