Il Russiagate si allarga e colpisce ancora una volta la società di sicurezza informatica Kaspersky, nuovamente nell’occhio del ciclone con pesanti accuse che arrivano dagli Stati Uniti. È il Wall Street Journal, che già nelle scorse settimane aveva accusato Kaspersky di pratiche scorrette, a rilanciare. Secondo il quotidiano statunitense, che cita funzionari americani vicini alla faccenda, il governo russo avrebbe utilizzato i prodotti antivirus di Kaspersky Lab per infiltrarsi segretamente nei computer di tutto il mondo alla ricerca di informazioni riservate e documenti relativi agli Stati Uniti. I software di Kaspersky sarebbero stati modificati in modo da fungere da strumenti di spionaggio. E le modifiche, secondo quanto riporta il Wsj, sarebbero state apportate con il consenso determinante della società di Eugene Kaspersky.
Il software modificato, a quanto pare, sarebbe in grado di eseguire la scansione dei file di ogni computer cercando vari termini o nomi codificati che riporterebbero a programmi utilizzati da enti governativi americani.
Va detto che questa è solo l’ultima accusa nei confronti di Kaspersky negli ultimi giorni. Sempre il Wall Street Journal, la scorsa settimana, aveva riferito che un hacker russo vicino al Cremlino avrebbe usato un antivirus di Kaspersky per accedere a dati di proprietà della National Security Agency (Nsa). Un fatto che risalirebbe al 2015.

Accuse anche da IsraeleAltre accuse nei confronti della società con sede a Mosca sono arrivate oggi sulle colonne del New York Times, che ha riportato una storia che porta in Israele. L’intelligence israeliana, infatti, spiando gli hacker legati al governo russo avrebbe

Articoli correlati

  • Cybersecurity: è Lazarus Group il braccio operativo di PyongyangDecember 20, 2017 Cybersecurity: è Lazarus Group il braccio operativo di Pyongyang cyber Ventisette righe di codice.Questo hanno in comune ufficialmente WannaCry e Lazarus Group, il famigerato gruppo hacker ritenuto responsabile nel febbraio di quest’anno di aver colpito circa 300mila computer in 150 Paesi del mondo. Un’operazione non propriamente chirurgica quindi...
  • Uber vende il proprio leasing automobilistico a Fair.comDecember 27, 2017 Uber vende il proprio leasing automobilistico a Fair.com Da tempo Uber desidera abbandonare la sua attività di leasing automobilistico, con cui aveva cercato di aiutare futuri conducenti privi di auto ad acquistarne una. Ora sembra aver trovato un acquirente. Fonti del Wall Street Journal riportano che la società sta vendendo la sua ...
  • La Russia realizzerà il primo hotel di lusso sulla stazione spaziale internazionaleDecember 29, 2017 La Russia realizzerà il primo hotel di lusso sulla stazione spaziale internazionale             (Foto: Anatoly Zak/Russianspaceweb.com) L’idea del turismo spaziale pare essere qualcosa di già superato, c’è infatti chi ha piani più grandiosi per il prossimo futuro. Stando a quanto annunciato sulla rivista online Pupul...
  • Doping: l’altra faccia delle OlimpiadiFebruary 11, 2018 Doping: l’altra faccia delle Olimpiadi Dodici medaglie d’oro, 27 d’argento e 11 di bronzo. E‘ il conto delle medaglie olimpiche ritirate alla Russia, più di un terzo del totale a partire dal 1968. Il sistema di doping messo in piedi dalla Russia tra il 2011 e il 2015 è stato di tale portata da essere de...
  • Doping: l’altra faccia delle Olimpiadi. I numeriFebruary 9, 2018 Doping: l’altra faccia delle Olimpiadi. I numeri Dodici medaglie d’oro, 27 d’argento e 11 di bronzo. E‘ il conto delle medaglie olimpiche ritirate alla Russia, più di un terzo del totale a partire dal 1968. Il sistema di doping messo in piedi dalla Russia tra il 2011 e il 2015 è stato di tale portata da essere de...
  • L’export in Russia nell’era delle sanzioniJanuary 30, 2018 L’export in Russia nell’era delle sanzioni russio La sezione 241 che ordina la pubblicazione del “Kremlin Report” è solo una parte del “pacchetto” approvato dal Congresso americano contro la Russia. Nel loro insieme, le nuove Linee Guida irrigidiscono i termini della normativa precedente (vedi scheda)&...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *