Progettare significa dare una dimora ai nostri pensieri, tradurli in forme riconoscibili in modo tale da affidarli alla comprensione degli altri. Ma chi sono gli “altri” in grado di comprendere i pensieri più profondi, ma anche contraddittori, di noi progettisti, ovvero di coloro i quali, per vocazione professionale o anche per i casi della vita, sono chiamati a disegnare gli spazi, gli oggetti, gli strumenti con i quali agiamo nella società? Certamente parliamo della nostre case, ma le nostre case sono anche l’estensione dello spazio, naturale e artificiale, che abbiamo intorno, città, paesaggi, percorsi; insomma tutta la nostra esistenza vive sospesa in un precario equilibrio, tra tensioni individuali e necessità collettive, tra dimensione utopica e razionalità e regole universali. E’ un vecchio problema che ha sempre occupato le migliori menti, non solo gli architetti e i designer; basti pensare al testamento filosofico di Platone, la famosa “Settima Lettera”, nella quale, riflettendo su tutte le sconfitte storiche che ha dovuto subire nella sua vita di “consulente progettuale” del potere politico, il vecchio filosofo rivede in modo profondo la sua teoria, fondata sulla contrapposizione tra “idea” e “mondo reale”, individuando in una sorta di riformismo e di adattamento dell’utopia alla realtà, la possibilità di agire concretamente nella vita collettiva degli uomini, fino ad affermare che la ruota di un maniscalco qualunque contiene, comunque, l’idea del “cerchio perfetto”.
Ecco, da qui forse è necessario sviluppare le nostre riflessioni intorno ai limiti del pensiero progettuale, rispetto al fatto che siamo costretti a vivere all’interno di

Articoli correlati

  • Ohrhut, la custodia per smartphone che disattiva lo smartphoneNovember 17, 2017 Ohrhut, la custodia per smartphone che disattiva lo smartphone Smartphone, app, dispositivi, domotica, oggetti connessi sono progettati per attirare la nostra attenzione e distrarci dalla vita vera. Per ovviare alla costante richiesta d’attenzione degli strumenti tecnologici, la compagnia di design di prodotto Ohrhut (Ghent, Stati Uniti) ha l...
  • Occupazione: chi cerca l’industria nei prossimi cinque anniNovember 30, 2017 Occupazione: chi cerca l’industria nei prossimi cinque anni addetti Sulla formazione, la manifattura italiana lancia un urlo alla Edvard Munch. Nei prossimi cinque anni nei settori chiave della meccanica, della chimica, del tessile, dell’alimentare e dell’Ict le imprese avranno bisogno di qualcosa come 272mila addetti con oltre il 60% di peri...
  • Ecco i nuovi costi dei licenziamentiNovember 6, 2017 Ecco i nuovi costi dei licenziamenti licenzia   Licenziamenti collettivi a caro prezzo dal 2018. Il disegno di legge di Bilancio all’esame del Senato prevede infatti un raddoppio del cosiddetto ticket sui licenziamenti, in caso di procedure collettive, per le aziende tenute a contribuire al finanziamento della cassa inte...
  • Slam, tecnologia e innovazione per la collezione Win-DNovember 16, 2017 Slam, tecnologia e innovazione per la collezione Win-D Per chi fa vela l’innovazione sul fronte dell’abbigliamento tecnico conta, quasi quanto quella delle imbarcazioni: i capi che un velista sceglie di indossare non sono un dettaglio, ma parte integrante della sfida che affronterà in mare. Muoversi più liberamente o godere ...
  • Orrore, citazionismo e tecnologia in The Evil Within 2November 16, 2017 Orrore, citazionismo e tecnologia in The Evil Within 2 Il primo capitolo di The Evil Within ottenne una discreta attenzione grazie al fatto di essere il ritorno sulla scena di Shinji Mikami, ovvero il creatore di Resident Evil. Tuttavia il gioco si rivelò altalenante: l’atmosfera c’era, ma per molti aspetti era datato, macchinoso e...
  • L’ultima campagna provita a Roma è una caricatura dell’ideologia antiabortistaNovember 22, 2017 L’ultima campagna provita a Roma è una caricatura dell’ideologia antiabortista La strategia prolife è spesso molto efficace. A cominciare dal loro nome che è uno slogan perfetto: siamo per la vita! Ovvero, chi non sta con noi deve tifare per forza per la morte. Giusto? No, ma poco importa perché non è detto che funzioni quello che è corret...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *