LUSSEMBURGO – La magistratura europea ha rimesso in discussione gli accordi tra Stati Uniti e Unione Europea nella gestione della privacy su Internet, definendo illegale l’intesa di 15 anni fa, Safe Harbour, che regolamenta il trasferimento di dati sui due lati dell’Atlantico. La sentenza, che segue di qualche giorno il punto di vista dell’avvocato generale Yves Bot, potrebbe permettere il blocco del trasferimento dei dati personali degli utenti di Facebook e di altri reti sociali.
«Questa decisione è un colpo alla sorveglianza di massa operata dagli Stati Uniti che si poggia principalmente su partner privati», ha detto in un comunicato Max Schrems. Quest’ultimo, un giurista austriaco, è stato all’origine del ricorso presentato dinanzi alle autorità irlandesi nel 2011, due anni prima dello scoppio del Datagate, la vicenda delle intercettazioni illegali da parte dei servizi segreti americani. Schrems si è opposto in tribunale al trasferimento dei suoi dati personali sui computer centrali di Facebook negli Stati Uniti, spiegando che le autorità americane non offrono garanzie sufficienti.
Nel 2000, la Commissione europea aveva considerato l’accordo Safe Harbour sufficientemente sicuro. «L’esistenza di una decisione della Commissione secondo la quale un paese terzo assicura un livello di protezione adeguato sui dati personali trasferiti all’estero (…) non può ridurre i poteri di cui godono le autorità nazionali di controllo», ha detto la Corte europea di Giustizia in un comunicato. Il tribunale ha considerato «invalida» la decisione dell’esecutivo comunitario.
In questo contesto, la Corte europea di Giustizia, che ha sede in Lussemburgo, ha precisato che le autorità irlandesi, a

Articoli correlati

  • Verso l’internet  dei nuovi videoOctober 28, 2017 Verso l’internet dei nuovi video Proviamo per un momento a pensare alla massa di contenuti audiovisivi presenti su web e mobile. Stiamo parlando di una vera e propria galassia di video professionali e non, lunghi, corti, belli e brutti, d’autore e assolutamente amatoriali, seriali, virali, brand, artistici, fiction e non f...
  • Italia, i dati del traffico telefonico e internet saranno conservati per 6 anniNovember 9, 2017 Italia, i dati del traffico telefonico e internet saranno conservati per 6 anni (Immagine: geralt/pixabay)La camera ha appena approvato in via definitiva la norma secondo cui i dati relativi al traffico telefonico e a quello internet dovranno essere conservate per 72 mesi, ovvero 6 anni. Un testo approvato  dai deputati con 247 voti a favore, 72 contrari e 44 ...
  • Ryanair, il Ceo si scusa con i pilotiOctober 9, 2017 Ryanair, il Ceo si scusa con i piloti La compagnia low-cost irlandese cambia letteralmente rotta dopo le insurrezioni e le fughe dei piloti. Motivi che hanno contribuito alla cancellazione di oltre 2mila voli, lasciando a terra 400mila passeggeri in circa 6 settimane e, i cui strascichi, hanno impattato anche sulla programmazione inv...
  • La tribù fa notiziaSeptember 23, 2017 La tribù fa notizia Più connesso e più consapevole nel riconoscere le bufale che popolano i media digitali e sociali. O forse più illuso di riuscire a orientarsi meglio tra le pieghe di una rete nella quale si annidano sempre più fake news. Certamente più propenso ad ascoltare le p...
  • Anche l’uomo della caverne teneva il cane al guinzaglioDecember 1, 2017 Anche l’uomo della caverne teneva il cane al guinzaglio Le immagini che vi presentiamo risalgono a otto-novemila anni or sono: un’epoca che abbiamo sempre considerato troppo precoce per la domesticazione del cane e che invece, come testimoniano le riprese, segna quasi sicuramente la prima comparsa dell’animale nella vita dell’essere ...
  • Psd2 e fintech: i numeri il mercato del creditoDecember 1, 2017 Psd2 e fintech: i numeri il mercato del credito fintech Da gennaio – ha ricordato il Governatore – il sistema dei pagamenti farà un ulteriore passo nella direzione di una maggiore concorrenza con il recepimento della Direttiva (Payment Services Directive 2, PSD2), con la disciplina di una nuova tipologia di operatori, i &la...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *